Trieste, allestisce una fucina per il rame: arrestato dai Carabinieri

Più di 300 kg di matasse di filo da cui ricavare l’“oro rosso”

Trieste, allestisce una fucina per il rame: arrestato dai Carabinieri.

Nel casolare che occupava abusivamente in provincia di Foggia aveva realizzato una vera e propria fucina per sciogliere le guaine e ricavare l’ambito “oro rosso”.

La materia prima arrivava grazie alle scorribande notturne che gli avevano permesso di ammassare più di 300 kg di matasse di filo da cui ricavare il prezioso rame. 

Il laboratorio improvvisato e illegale viene scoperto e sequestrato, ma “l’alchimista” fugge in tempo lasciando diverse sue tracce e soprattutto un processo a suo carico.

Da quelle tracce la pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Villa Opicina, impegnata con la Radiomobile di Aurisina nei controlli di retrovalico riesce a risalire all’uomo in fuga. I militari controllano l’uomo mentre viaggia a bordo di un pullman di linea.

Il 42 enne, di origini romene, è ricercato per un mandato di cattura: deve scontare 4 anni e 11 mesi di reclusione per ricettazione e riciclaggio.

Così la pattuglia dei Carabinieri di Villa Opicina lo arresta e lo conduce al Coroneo.

fernetti

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...