Il Mercatino di Natale devolverà 300 mila euro per il restauro del Duomo

24

Un detto celeberrimo e storico milanese asserisce che la “fabbrica del Duomo” è un’operazione che non avrà mai completamento, a significare il tempo, tanto, che è stato impiegato per erigere la stupenda Cattedrale e gli interventi di restauro che da quando esiste il Duomo si sono avvicendati incessantemente. Il Comune di Milano nella persona dell’Assessore alle Poolitiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio Cristina Tajani, ha predisposto che una parte delle entrate che proverranno dalle vendite del consueto Mercato Natalizio allestito nei pressi del Duomo sarà devoluta alla Veneranda Fabbrica del Duomo per lavori di intervento di ristrutturazione della stupenda Cattedrale gotico lombarda.

La donazione predisposta è decisamente cospicua: si parla di 303 mila euro provenienti da attività di commercio di prodotti enogastronomici locali e di opere di artigianato lombardo, promuovendo, così, le creatività e le capacità imprenditoriali di chi parteciperà al mercatino. Il mercatino presenterà un itinerario fiabesco, quello che interesserà parte di Cosrso Vittorio Emanuele II, la parte confinante con l’abside della Cattedrale e tutta Via Arcivescovado, e sarà attivo dall’11 Dicembre fino a Domenica 8 Gennaio.

Quest’anno il mercatino prevederà un tema che ricorrerà per tutta la manifestazione e in base al quale sono state allestite le 80 “casette”, strutture in legno che ospiteranno i vari espositori, della dimensione di 4×3 metri e che vedranno addobbi tipici dei Paesi scandinavi, quelli dove vivono folletti e gnomi, dalle ghirlande dai colori vivaci ad abbellimenti che richiameranno, appunto, l’immaginario mondo delle favole. Ci inoltreremo, quindi, in un clima dal sapore fantastico dove i vari espositori offriranno non solo prodotti rivolti al mercato, quali, appunto, vini, pietanze e dolci tradizionali, ma anche opere di antiquariato e lavori in legno e in ceramica predisposti da abili artisti artigiani, veri e propri maestri dell’intarsio, della cera e del presepe: come ogni anno, infatti, il mercatino prevederà l’esposizione di suggestivi presepi arricchiti da panorami compositivi degni di nota e rilevanza.

Risulta un passaggio importante quello segnato quest’anno dall’edizione del Mercatino del Duomo, in quanto tramite “questa operazione valorizziamo commercialmente il centro città durante le festività e contribuiamo al mantenimento del simbolo di Milano” come ha potuto asserire la stessa assessora Cristina Tajani. Il mondo del commercio, quindi, viene valorizzato e reso partecipe di un’operazione importante per conservare il monumento meneghino per antonomasia, espressione della storia ambrosiana del capoluogo lombardo: attraverso questo impegno si sensibilizza un settore che è epicentro della produttività nostrana e dello sviluppo economico del Paese, della Regione e della città.

Durante i giorni di allestimento del mercatino ci saranno, anche, numerosi appuntamenti culturali e artistici, attraverso manifestazioni che chiameranno a raccolta musicisti, zampognari e figure legate al mondo della fiaba, quel mondo a cui l’intera iniziativa si ispira e grazie al quale le nostre fantasie saranno solleticate immaginando scenari favolosi fatti di elfi e di fate.

Articolo di Alessandro Rizzo


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 

Commenti
Loading...