Decorare casa con poster e carta da parati: nuova tendenza per il 2022?

La carta da parati sembra essere tornata e anche più forte di prima. Per tutto il 2021 ha letteralmente spopolato sul mercato americano. Complici anche alcune serie Netflix e il noto Kips Bay Decorator Show (programma di intrattenimento fondato sull’interior design), la carta da parati e i poster sembrano avere sempre di più la meglio sulle altre tendenze relative agli interni.

 

Tuttavia, non sarebbe cosa da prendere alla leggera. Le wallpapers sono presenti in abbondanza sul mercato e c’è ampia varietà di scelta, ma prima di decidere di seguire la tendenza e gettarsi a capofitto nel rinnovamento degli ambienti della propria casa con la carta da parati, sarebbe meglio informarsi a dovere (soprattutto sulle questioni di abbinamento e gusto).

 

Poche cose riescono a dare un tocco diverso e innovativo agli ambienti casalinghi come la carta da parati, ma bisogna ricordarsi che è facile passare velocemente dall’entusiasmo allo sconforto, se ci si dovesse rendere conto di aver speso una cifra importante per riallestire le pareti in uno stile poco consono all’arredamento già presente o agli altri elementi di decoro della casa. Vediamo, dunque, cosa consigliano gli esperti per evitare gli errori più comuni.

Cosa considerare prima di tappezzare la propria casa con una nuova carta da parati?

Prima di tutto, non possiamo dimenticare che i rivestimenti murali sono un investimento molto più consistente rispetto a un barattolo di vernice. Prima di srotolare la propria carta nuova di zecca, bisogna sentire che si tratta della scelta giusta e che non ci saranno ripensamenti. In tanti, si abbandonano all’acquisto di carta da parati e poster soltanto per una questione di moda, ma cosa succederà una volta che la moda sarà passata? Tornare indietro non sarà semplice né tanto meno economico!

 

Parlando ancora degli errori più comuni nella scelta della carta da parati, gli esperti sottolineano che troppo spesso ci si dimentica della destinazione d’uso dell’ambiente che ci si appresta a tappezzare. Si tratta di una stanza molto trafficata? Parliamo di un ambiente che sarà usato prevalentemente da bambini? L’area sarà destinata a qualche hobby particolare?

 

Queste sono tutte cose da tenere in considerazione per fare scelte avvedute. Ad esempio, se sappiamo che si tratta di una stanza per bambini, è fondamentale valutare carta da parati resistente ad acqua e sapone. In tal modo se i bambini, come loro solito, dovessero divertirsi a scarabocchiare le pareti, i loro “capolavori” sarebbero facilmente reversibili e si eviterebbe così anche il danno economico, oltre che estetico.

In quali ambienti della casa la carta da parati rende meglio?

La carta da parati può essere utilizzata in numerosi spazi della casa, ma quali sono le destinazioni da preferire in assoluto? La carta da parati è molto versatile e potenzialmente può essere usata ovunque.

 

Molto dipende ovviamente dal progetto di design che si sta seguendo, ma per molti esperti sembra che la carta da parati dia il meglio di sé anzitutto sui soffitti. Che si tratti di un soffitto piatto o a cassettoni, la carta da parati aggiunge un qualcosa di speciale.

 

Sul soffitto degli ingressi, nelle stanze da bagno e nelle sale da pranzo, le wallpapers possono offrire un tocco inaspettato e ridare vita a spazi che troppo spesso vengono trascurati. Ecco perché molti interior designer optano per il suo uso in spazi più piccoli, riuscendo a creare eccellenti effetti di spazio, eleganza ed estetica.

I poster: un perfetto abbinamento con tanti wallpaper

Non solo carta da parati, spopolano ormai anche i poster e sembra che vadano davvero a braccetto proprio quando utilizzati insieme ai wallcover. Ma anche in questo caso, cosa si dovrebbe evitare per ottenere effetti piacevoli per gli abitanti della casa e di sicuro impatto sugli ospiti? Ecco 2 semplici regole da seguire:

 

  1. Le dimensioni contano: la bellezza, inutile negarlo, risiede nella proporzione. Ed è proprio nel trovare la giusta proporzione che risiede il maggior rischio insito nell’effetto che un poster può fare in un salotto o in camera da letto. Cosa fare dunque? Se la tendenza è quella di appendere molti poster di piccole dimensioni, l’ideale sarebbe il contrario. Perché si possano apprezzare davvero i poster è fondamentale che siano delle giuste dimensioni altrimenti finirebbero per apparire come figure indistinte su una parete.
  2. L’abbinamento di forme e colori: soprattutto se si sta pensando di abbinare i poster alla carta da parati, scegliere il colore e lo stile giusto è davvero fondamentale. In questo caso possono venire in aiuto le più basilari regole di abbinamento, ma i risultati migliori si ottengono studiando a priori le palette di colore della carta da parati e degli elementi di arredo del proprio salotto.

 

Carta da parati e poster? Belli si, ma come abbiamo visto, anche complessi! Andare di pancia e affidarsi al proprio gusto può essere una buona idea… Ma se si sta cercando il modo di ottenere un risultato di sicuro effetto allora la scelta migliore è di sicuro quella di affidarsi a un professionista dell’interior design.

Commenti
Loading...