Oristano, il progetto “Limba sarda, limba de s’identitade, limba de su mundu” per la promozione della lingua sarda

Consegnati ai dirigenti scolastici dei kit di lingua sarda destinati agli studenti delle quinte delle scuole primarie

Oristano, L’Assessore alla Cultura e alla Pubblica istruzione del Comune di Oristano Massimiliano Sanna ha consegnato ai dirigenti scolastici cittadini i kit di lingua sarda destinati agli studenti delle quinte delle scuole primarie.

L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto “Limba sarda, limba de s’identitade, limba de su mundu” che ha per capofila la Provincia di Oristano ed è finanziata con la legge sulle minoranze linguistiche storiche.

“Tra le diverse iniziative di promozione della lingua sarda una riguardava la realizzazione di opuscoli informativi in lingua sarda e kit dedicati alla didattica e destinati alle alunne e agli alunni delle classi V delle scuole primarie dei comuni dell’aggregazione tra le quali quelle di Oristano” spiega l’Assessore Sanna.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Nel corso dell’incontro con le Dirigenti scolastiche dei quattro istituti comprensivi della città l’Assessore Sanna ha illustrato l’alto valore dell’iniziativa per la tutela delle minoranze linguistiche storiche.

“L’iniziativa è stata accolta con apprezzamento ed entusiasmo dalle dirigenti, dagli insegnanti a dagli alunni – osserva l’Assessore Sanna -. Gli interventi di formazione, le attività culturali e la promozione della lingua sarda nei rapporti con la Pubblica Amministrazione, nella vita associativa e in ambito familiare, attuano i principi e i valori sanciti Costituzione Italiana e recepiti dagli organismi Europei e internazionali. La stessa legge 482/99 prevede la realizzazione di programmi di intervento per la tutela delle minoranze linguistiche anche in ambito scolastico. Questo favorirà l’impiego consapevole e corretto della lingua sarda, da parte di bambini e bambine, come nuova possibilità comunicativa e, contestualmente, accrescerà in loro il rispetto per le tradizioni e per le proprie radici identitarie”.

 


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...