ArtVerona 2021, le proposte alla GAM e al museo di Calstelvecchio

Una grande esposizione artistica con 143 gallerie partecipanti ed un ricco palinsesto di eventi collaterali realizzati in musei e palazzi prestigiosi della città. E’ così che ArtVerona, la fiera dedicata all’arte moderna e contemporanea, torna, dal 15 al 17 ottobre, ad animare in presenza gli spazi di Veronafiere e della città.

Un’edizione 2021 che, sotto la direzione artistica di Stefano Raimondi e con la collaborazione di ANGAMC (Associazione Nazionale Gallerie d’Arte Moderna), si presenta al pubblico con nuove importanti adesioni e significative conferme da parte del mondo dell’arte.

Nel particolare, in collaborazione con le principali istituzioni veronesi pubbliche e private, ArtVerona presenta Art & the City, un programma di iniziative culturali dedicate nello specifico al collezionismo, alla performance e alla videoarte.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Proposte al museo di Castelvecchio e alla GAM. Da venerdì 15 a domenica 17 ottobre, il museo di Castelvecchio ospita i tre appuntamenti di Performance&TheCity, a cura di Claudia Santeroni e Maria Marzia Minelli. Visibili al pubblico le performance delle artiste internazionali Marijke De Roover, SAGG Napoli e Sophie Jung. Nei loro lavori è centrale la contaminazione tra presenza scenica, aspetto performativo del linguaggio e capacità di modellare lo spazio attraverso voce, testo, scultura, suono e video. Con le loro esibizioni le artiste presentano tre diverse declinazioni di alcuni dei temi più urgenti su cui la contemporaneità impone una riflessione.
Eventi e orari: venerdì 15 ottobre, ore 20.15 – Marijke De Roover; sabato 16 ottobre, ore 10 – SAGG Napoli; domenica 17 ottobre, ore 10 – Sophie Jung.

Dal 15 ottobre 2021 al 30 settembre 2022, la Galleria d’Arte Moderna Achille Forti, negli spazi della Cappella dei Notai, ospita LEVEL 0 / ANDREA CARPITA – Blue Traveler, a cura di Patrizia Nuzzo.
Andrea Carpita, rappresentato dalla galleria milanese The Flat di Massimo Carasi, è l’artista vincitore dell’Edizione 2020 di Level 0, format di ArtVerona al quale la GAM di Verona, insieme alle gallerie nazionali del circuito Amaci, aderisce da diversi anni.
L’artista, in dialogo con lo spazio riservato all’iniziativa – la prestigiosa e suggestiva Cappella dei Notai – ha saputo ideare un’opera ‘Blue Traveler’ di forte impatto visivo, che intende sviluppare i concetti della contemplazione del macro e micro-cosmo invitando il visitatore ad una riflessione sull’esistenza umana e il trascendente.

Sempre alla GAM, nella sala degli Scacchi, in occasione di Art Verona sarà presentato il restauro dell’installazione A e Z aspettano l’amore di Alik Cavaliere, realizzato dagli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Verona.
In seno al protocollo di intesa, sottoscritto tra i Musei Civici e la Scuola di Restauro dell’Accademia, gli studenti, coadiuvati dagli insegnanti e dalla curatrice delle collezioni Patrizia Nuzzo, si sono accostati ad un articolato intervento di restauro, che ha comportato un approccio complesso sui diversi elementi che costituiscono l’installazione di Cavaliere.
L’iniziativa si arricchisce di un ciclo di incontri – da cui prende il titolo l’iniziativa A e Z: l’amore è per sempre, l’arte no (se non la conservi!): 6 talk a cura dagli studenti dell’Accademia, aperti al pubblico, che verteranno su un argomento ispirato da “parole chiave” in merito alla pratica del restauro.

Un’occasione per valorizzare il lavoro dei giovani e al contempo promuovere la didattica e la condivisione delle pratiche di restauro applicate alle opere di arte contemporanea.

Programma completo di ArtVerona è disponibile sul sito https://artverona.it/.

Tutte le iniziative della 16ᵃ edizione ArtVerona sono state presentate questa mattina alla Galleria d’Arte Moderna. Presenti l’assessore alla Cultura Francesca Briani, il direttore artistico Stefano Raimondi, il vice presidente di Veronafiere Matteo Gelmetti, Elena Amadini Exhibition Manager Area Stone&Design di Veronfiere. Ad illustrare gli appuntamenti alla Gam la curatrice Responsabile delle Collezioni d’Arte Moderna e Contemporanea Patrizia Nuzzo.

“Gli spazi fieristici e la città tornano ad animarsi di arte, performance e interazioni culturali – sottolinea l’assessore –. Una sedicesima edizione che si riappropria, attraverso un’ampia proposta di eventi in presenza, della città e di alcuni dei suoi ambienti espositivi più suggestivi ed interessanti. Tra questi, in particolare, le preziose stanze della Galleria d’Arte Moderna che, dal 15 ottobre, diventano sede di alcune interessanti esposizioni artistiche e della presentazione al pubblico della restaurata installazione A e Z aspettano l’amore di Alik Cavaliere. Appuntamenti frutto di quella fondamentale rete di collaborazione che, in questi anni, ha continuato ad accrescere i rapporti fra le principali istituzioni pubbliche e private e, in particolare, con il mondo delle gallerie private veronesi e le realtà artistiche giovanili. Un fermento di idee e di progetti che non ha mai smesso di pulsare. Ricordo che, a dicembre 2020, in pieno periodo pandemico e con i musei ancora chiusi al pubblico, abbiamo inaugurato alla GAM, inizialmente visibile solo in formato digitale, la nuova sezione dedicata all’arte contemporanea. Un progetto che guardava volutamente al futuro e che mostrava quanto, anche in quei momenti difficili, la proposta artistica a Verona continuasse ad essere vitale e presente”.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...