fbpx
CAMBIA LINGUA

Caso scommesse, lo juventino Fagioli patteggia 7 mesi di squalifica

Disposta anche un'ammenda di 12.500 euro e 5 mesi di pene alternative per il centrocampista

Caso scommesse, lo juventino Fagioli patteggia 7 mesi di squalifica.

C’è il primo esito del caso scommesse. Nicolò Fagioli ha raggiunto l’accordo di patteggiamento con la Procura Federale: 7 mesi di squalifica, 12.500 euro di ammenda e 5 mesi di pene alternative.

“La Procura Federale ha raggiunto un accordo (ex art. 126 CGS) con il calciatore”, recita il comunicato ufficiale diffuso nelle scorse ore.

Cosa ha portato a questo forte sconto di pena? Innanzitutto l’aver patteggiato prima del deferimento che porta ad un dimezzamento della squalifica. Poi è bene ricordare che Fagioli si è autodenunciato, collaborando fin da subito con la Procura Federale e chiarendo la sua posizione.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Ormai conclusa, dunque, la stagione 2023/24 per il giocatore della Juventus.

Fagioli dovrà partecipare ad un piano terapeutico della durata minima di 6 mesi e ad un ciclo di almeno 10 incontri pubblici, da svolgersi nell’arco di 5 mesi, “presso Associazioni sportive dilettantistiche, Centri federali territoriali, Centri per il recupero dalla dipendenza dal gioco d’azzardo, e comunque secondo le indicazioni e il programma proposti dalla Figc”.

Intanto, nelle scorse ore, l’ex rossonero Tonali ha preso un aereo dall’Inghilterra, ha incontrato i suoi legali all’aeroporto di Caselle, e dopo un breve colloquio per definire gli ultimi dettagli della linea difensiva, si è recato al Palazzo di Giustizia di Torino, dove per due ore e mezzo è stato ascoltato dalla pm che segue l’inchiesta, Manuela Pedrotta.

A Torino si recherà anche Niccolò Zaniolo, che ha ammesso di aver scommesso sul sito illegale ma mai su partite di calcio. Se confermato, la sua stagione non subirebbero alcuno stop.

fagioli

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×