fbpx
CAMBIA LINGUA

Cagliari: alla MEM giovedì 26 ottobre 2023 il secondo appuntamenti con “Incontri con gli autori”.

Il secondo appuntamento vede come ospite Massimo Serra che presenterà il suo "Chi insegnerà agli insegnanti? - Sulle tracce della bellezza dell'insegnamento per rimettere la relazione al centro di una scuola troppo tecnica".

Cagliari: alla MEM giovedì 26 ottobre 2023 il secondo appuntamenti con “Incontri con gli autori”.

È in programma giovedì 26 ottobre 2023 alle 17 presso la Sala Eventi al primo piano della MEM – Mediateca del Mediterraneo di via Mameli 164 a Cagliari, il secondo appuntamento con la Rassegna letteraria “Incontri con gli autori“.
Protagonista sarà Massimo Serra che presenterà il suo “Chi insegnerà agli insegnanti? – Sulle tracce della bellezza dell’insegnamento per rimettere la relazione al centro di una scuola troppo tecnica”.

Il libro è un tentativo di far luce sull’affaticamento del sistema scolastico. Un viaggio in compagnia di alcuni grandi autori Maria Montessori, Gregory Bateson, Martin Heidegger – il cui pensiero può illuminare lo scenario che ospita la scuola e la pratica dell’insegnamento. L’idea che guida questo saggio è che i problemi della scuola siano figli di un’epoca ormai tecnica che richiede non tanto nuovi contenuti o strategie didattiche, quanto piuttosto di riconoscersi parte di un tutto più ampio e rimettere la relazione al centro del sistema scolastico.

L’iniziativa ospitata dalla MEM è stata realizzata in collaborazione con le cooperative Agorà Sardegna, Coopculture e Comes e offre un’opportunità per gli appassionati di letteratura e per coloro che desiderano immergersi nelle storie e nelle menti degli autori contemporanei, di porre domande, e scoprire il dietro le quinte delle loro opere letterarie.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Cagliari: alla MEM giovedì 26 ottobre 2023 il secondo appuntamenti con "Incontri con gli autori".


Questi i prossimi incontri:

Venerdì 17 novembre alle 17
Roberto Brughitta con “I rintocchi di Galusè”
Siamo a Tonara nei primi anni Ottanta; la placida esistenza di Giacu il sonagiargiu (creatore di campanacci) è turbata dall’inaspettato ritorno in paese di Atalaia, la sorella un tempo tanto amata, con cui i rapporti si sono bruscamente interrotti anni prima. L’arrivo della donna, che porta con sé il figlio Luciano, sarà destinato a cambiare il corso della vita di Giacu e lo costringerà a fare i conti con un passato del quale è fin lì stato all’oscuro. Accompagnano la storia i rintocchi cadenzati dei campanacci di Giacu, che l’autore descrive con la sensibilità e l’efficacia che gli sono proprie. Vero e proprio linguaggio ancestrale dalle misteriose inflessioni che avvicinerà Luciano a uno zio all’apparenza così diverso da lui.
Venerdì 24 novembre alle 17
Francesco Pruneddu con “Dolci d’Italia. La storia della pasticceria dal Medioevo al Novecento”
“Dalle opere d’arte che ho studiato ho tratto ispirazione per le mie fotografie: ho preso spunto dai miei quadri preferiti per catturare la luce giusta, la composizione migliore, giocare con i chiari e, soprattutto, con gli scuri. Ho così cominciato a scattare il cibo e mi sono poi appassionato ai dolci. Forse perché si sono imposti come le preparazioni più colorate, artistiche, capaci di destare pura meraviglia, inebriare con sbuffi di cannella e acqua di rose e, naturalmente, compiacere anche il palato”.

Cagliari: alla MEM giovedì 26 ottobre 2023 il secondo appuntamenti con "Incontri con gli autori".

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×