fbpx

Derubava le sue vittime a bordo della bicicletta, arrestato ladro seriale di Firenze

Il trentasettenne è attualmente in carcere

Derubava le sue vittime a bordo della bicicletta, arrestato ladro seriale di Firenze.

Il 28 settembre 2023, a conclusione di mirata attività investigativa, i Carabinieri della Stazione di Firenze Uffizi hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere emessa dal GIP di Firenze nei confronti di un trentasettenne albanese indagato per i reati di rapina e furto con strappo.

All’esito delle risultanze investigative raccolte, pienamente condivise dalla Procura della Repubblica di Firenze, l’uomo è stato ritenuto l’autore di molteplici episodi delittuosi, tutti commessi nel Comune di Firenze.

Ladro in bicicletta

L’indagato, padrone di un consolidato meccanismo, era solito avvicinarsi alle proprie vittime a bordo della sua bicicletta facendo finta di perdere l’equilibrio e, con la scusa di aggrapparsi ai malcapitati per non cadere a terra, riusciva, con mosse fulminee, a strappare loro di dosso oggetti di valore come collanine in oro e portafogli

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

A tal proposito ben tre sono gli episodi di tal genere contestati all’indagato – tutti commessi tra il 28 e il 30 agosto di quest’anno.

Pugno all’anziana signora

L’uomo è, inoltre, indagato per aver commesso, sempre a fine agosto, una rapina ai danni di un’anziana signora, la quale, rientrando presso la propria abitazione, si imbatteva nell’odierno indagato che, una volta impeditole di chiudere il portone, le sferrava un pugno al viso e le asportava una collanina in oro.

A seguito dei vari fatti reato, i militari avviavano le indagini che, in poco tempo, hanno portato all’identificazione dell’autore. Determinanti le immagini del circuito di videosorveglianza comunale e le informazioni raccolte dalle vittime.

A Sollicciano

L’arrestato si trova ora presso la Casa Circondariale di Firenze Sollicciano. La colpevolezza dell’indagato verrà valutata nel corso del futuro processo.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×