Cremona: il Comune mette a disposizione oltre 4 milioni e 600mila euro

Cremona, 1 dicembre 2020 – Ammonta a 4.656.369,40 euro il budget complessivo che l’Amministrazione comunale mette a disposizione del sistema scolastico cittadino, degli studenti, delle studentesse e delle loro famiglie. E’ quanto si evince dal Piano annuale per il diritto allo studio 2020/21 presentato dall’Assessore all’Istruzione Maura Ruggeri e approvato ieri dal Consiglio Comunale.

Il Piano si colloca nell’ambito di una situazione scolastica molto difficile, caratterizzata dall’emergenza sanitaria che ha comportato la sospensione della scuola in presenza per gran parte dell’anno scolastico 2019-2020 e che, anche per l’anno in corso, con l’aggravarsi della curva epidemiologica, ha visto il ricorso alla didattica a distanza nella secondaria di secondo grado, nonché, per un certo periodo, anche nelle classi seconde e terze della secondaria di primo grado a seguito dell’inserimento della Lombardia in zona rossa.

“Una situazione complessa che rende ancora più importante il compito di vicinanza e di supporto alla scuola ed alle famiglie che il Comune si è dato. Naturalmente tutti i servizi e le misure proposte nel Piano dovranno tener conto dell’evolversi dell’emergenza sanitaria e delle esigenze didattiche ed organizzative delle scuole”, dichiara al riguardo l’Assessore Ruggeri.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

La prima parte del documento restituisce la fotografia dell’attuale sistema formativo cittadino, sia con dati relativi alla popolazione scolastica in possesso del Settore Politiche Educative, sia con dati relativi alla frequenza forniti dalle scuole: questo permette di costruire una visione complessiva del sistema, aggiornata anno per anno così da poter disporre di una sorta di osservatorio che fotografa sia gli aspetti positivi di un’offerta che si presenta completa ed articolata, sia le criticità da affrontare.

Le altre parti comprendono sostanzialmente tre aree d’intervento. La prima è l’Area dei Servizi di qualità erogati o comunque supervisionati direttamente dall’Ente: il servizio 0-6 anni, il servizio di ristorazione scolastica, il trasporto scolastico, il servizio di assistenza all’autonomia (S.A.A.P), il servizio di orientamento scolastico, la guida per le scuole e le newsletter.

Vi è poi l’Area degli interventi a supporto della frequenza scolastica destinati sia alle scuole che alle famiglie: ad esempio tutte le agevolazioni tariffarie sui diversi servizi, fornitura di libri di testo, contributi per materiale didattico per scuole di ogni ordine e grado, ecc.

Infine l’Area degli interventi destinati a sostenere le progettualità delle scuole che, anche per quest’anno scolastico, prevede un budget di circa 70 mila euro assegnati secondo linee d’indirizzo e criteri condivisi con le scuole stesse.

“Il documento coglie le complessità con cui il sistema scolastico si sta confrontando e che si vuole affrontare anche nell’ambito del percorso di confronto e di condivisione con i dirigenti scolastici che si aprirà nelle prossime settimane”, commenta l’Assessore, che aggiunge: “Saranno trattati in via prioritaria i temi dell’orientamento – sabato 5 dicembre sarà inaugurata la nuova edizione del Salone dello Studente in versione online -, i progetti di contrasto alla dispersione scolastica ed alla povertà educativa, fenomeni che si accentuano in tempi di difficoltà economiche e sociali come quelli che stiamo attraversando e che spesso rendono problematica la partecipazione alla didattica a distanza per molti alunni. Spazio anche all’educazione alla cittadinanza, con particolare riguardo al tema della sostenibilità ed alla promozione negli alunni di comportamenti responsabili, soprattutto per quanto riguarda il rispetto delle norme per evitare il contagio da coronavirus, il trasporto scolastico, la cui sicurezza costituisce una condizione fondamentale per l’auspicato e graduale rientro ad una didattica in presenza”.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...