Rovigo, presentato lo spettacolo Ad un passo dal futuro

20 dicembre

Rovigo, presentato lo spettacolo Ad un passo dal futuro.

Arriva a Rovigo nella mattinata del 20 dicembre, in doppia recita per le scuole del capoluogo e non solo, lo spettacolo ecologistaAd un passo dal futuro“, forte del successo e degli apprezzamenti riscontrati a Loreo, Rosolina e a Villanova del Ghebbo con oltre 400 spettatori. La doppia recita di Rovigo, che si terrà al Teatro Duomo, coinvolge al momento 775 spettatori, con il sold out dello spettacolo delle 11.30, mentre c’è ancora qualche posto per la recita delle 9.30.
La presentazione è avvenuta qualche giorno fa a Palazzo Nodari a Rovigo alla presenza di Roberto Tovo, vicesindaco assessore alla Cultura, Irene Lissandrin, project manager e direttore artistico, Matteo Campagnol, attore e formatore
teatrale di Pantakin Teatro, la dirigenza di ViviRovigo Aps tra cui Maurizio Pagliarello e Paolo Avezzù. Emozionante e coinvolgente la testimonianza di alcuni giovani attori della compagnia: Eva Rabacchin, Sara Micovski, Tommaso Vallini e Angelo Gori.

Ad un passo dal futuro” è il riallestimento dello spettacolo vincitore del Premio Tomeo 2022, messoin atto grazie all’ultimo laboratorio, uno degli 11 corsi teatrali per ragazzi attivati in Polesine da ottobre a dicembre 2022 da Arteven con ViviRovigo in virtù del progetto Prossimità della Regione del Veneto. Sul palco ci sarà la giovane compagnia dei ragazzi “Il Teatro Siamo Noi“, 17 allievi-attori dai 12 ai 19 anni, formati già a partire dal 2020 con i primi laboratori del progettoIl teatro siete Voi” di Irene Lissandrin per ViviRovigo, preparati oggi dall’attore-formatore Campagnol.

È davvero bella – ha detto l’assessore Tovo -, questa promozione di sensibilità artistica nei ragazzi. Lo sviluppo nelle nuove generazioni, di sensibilità verso le arti performative, ha un valore generale, perché rappresenta una forma di socializzazione molto importante. Ringrazio i promotori di questo progetto“.
Il successo già dimostrato dalla rassegna per bambini, scuole e famiglie de “Il Teatro Siete Voi 2022“, di cui “Ad un passo dal futuro” fa parte, che ha coinvolto 35 comuni in provincia di Rovigo, e la tematica dell’eco-spettacolo, ha consentito ad Ecoambiente Rovigo, gestore provinciale del ciclo integrato dei rifiuti di proprietà dei comuni, di credere nel progetto e di contribuire alla messa in scena di questo spettacolo che conta 5 recite.

“Al centro del percorso formativo che abbiamo fatto in questi mesi – ha spiegato Campagnolci sono stati i ragazzi. L’obiettivo è sempre stato quello di fare un teatro fatto dai ragazzi per ragazzi, in modo che i giovani spettatori si possano riconoscere e possano identificarsi in quello che vedono, diminuendo la distanza tra attore e pubblico. Per gli attori il fatto di misurarsi con un pubblico di
coetanei, è un’esperienza molto forte“.
Ormai sono anni che mi impegno ad educare dei ragazzi – ha dichiarato Lissandrina fare e vedere teatro di qualità, per costruire il pubblico del teatro di domani perché altrimenti il teatro tra 25 anni è destinato a rimanere senza pubblico. Sono felice che nella nostra provincia il teatro per i ragazzi e realizzato con i ragazzi, stia crescendo con tanta passione e partecipazione. Ovunque siamo andati, gli
spettacoli della rassegna “Il Teatro Siete Voi 2022 Volare“, di cui “Ad un passo dal futuro” fa parte, hanno riscosso grande successo, segnale che la scelta è stata azzeccata“.

Ringrazio tutti coloro che rendono possibile questo fermento teatrale giovanile – ha detto Pagliarello : gli enti già citati, tutti i comuni aderenti e in particolare Rovigo, il capoluogo, che ora ci ospita e nel quale svolgiamo la nostra attività formativa principale, la Provincia, Fondazione Cariparo, Fondazione Rovigo Cultura, i privati che ci sostengono e tutte le mamme, i papà, i nonni e gli
insegnanti che ci vogliono bene e che si complimentano con noi per quanto facciamo“. “Fare teatro è una crescita a più livelli – hanno detto i giovani attori presenti alla conferenza stampa – è coinvolgimento, amicizia, divertimento e soprattutto la possibilità di vivere nuove vite, essere altro oltre a se stessi, pur rimanendo se stessi“.

Ad un passo dal futuro“, prodotto da ViviRovigo Aps in collaborazione con Pantakin Teatro, è il lavoro di teatro d’attore più completo messo in scena dalla compagnia dei ragazzi, con testo originale e regia di Emanuele Pasqualini, movimenti scenici di Carla Marazzato.
Atmosfera energetica, frizzante, divertente, ma con un messaggio ecologico importante nella trama: se si cambiano i comportamenti nel senso del rispetto per l’ambiente e per gli altri, l’uomo può aspirare ad un futuro idilliaco, quello del 2144 portato in scena dai ragazzi. Un messaggio ecologico reso potente dal mezzo del teatro, che grazie ad emozioni e risate trasmette agli spettatori dei valori che rimangono. Nella storia tutti i problemi del presente, tra crisi ambientale e guerre, sono finalmente risolti con una pace che sfiora la noia: strampalate pubblicità di prodotti assurdi ne sono la prova. Attraverso una macchina del tempo sgangherata, un gruppo di ragazzi torna al passato con vari salti temporali disordinati e incontra vari personaggi, tentando di cambiare il corso della storia in senso sostenibile. Simpatico l’incontro col padre di Greta Thumberg e lei neonata nella carrozzina. La riflessione che viene chiesta al pubblico è quella che dovrebbe portare a comportamenti virtuosi per scongiurare il rischio dell’estinzione.

Le giovani promesse sono: Eva Rabacchin, Linda Ruspantini, Petra Biasioli, Gabriele Biasioli, Mayura Bolzoni, Angelo Gori, Tommaso Vallini, Eleonora Tomasatti, Sara Forno, Sara Micovski, Anna Callegaro, Amaranta Pozzato, Marianna Cordani, Giulio Bellinello, Alice Bertasi, Leonardo Marangoni, Ambra Santagati e Paolo Meneghetti.
Andare nei vari paesi, come ha aggiunto Avezzù, significa muovere una comunità: ragazzi, famiglie, scuole, Pro Loco e parrocchie. “Siamo felici di dare un contributo a costruire comunità“.

Ad un passo dal futuro” non è l’unica messa in scena per ragazzi di ViviRovigo in corso. Nel mese di dicembre altri 5 laboratori terminano con una restituzione: il 16 dicembre a Corbola (ore 15.15 al Palasport) e a Rovigo (ore 18.00 al Teatro San Bortolo) ci sono le lezioni aperte al pubblico del corso “Il corpo racconta” condotto da Pippo Gentile; il 21 dicembre a Villanova del Ghebbo (ore 20.30 in sala Borin) le scuole primarie presentano “Dolcetti di Natale“, restituzione teatrale del lavoro della docente di teatro Irene Silvestri. Il 23 dicembre a Gaiba (ore 15.15 alla scuola primaria) va in scena il lavoro preparato con i ragazzi del doposcuola sempre da Irene Silvestri. Infine al Teatro di San Bortolo il 27 dicembre (ore 18.00) si potrà vedere lo spettacolo “Allarme nel presepe”, de I Magici Folletti, gruppo di bambini dagli 8 ai 12 anni, giunti al secondo corso guidati da Irene Silvestri.

Gli altri laboratori si stanno concludendo a Stienta, Canaro, San Martino di Venezze, San Bellino,
contando anche sul lavoro di formatrice dell’attrice e regista Maria Celeste Carobene.
Se interessati a partecipare scrivere a [email protected] oppure telefonare al 3476932356.

Rovigo, presentato lo spettacolo Ad un passo dal futuro

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...