Livorno, scuola Micheli Bolognesi: istituto aperto al territorio anche d’estate

Invito ai ragazzi che vogliono fare sport o corsi di murales, fotografia, musica o fumetto

Livorno, Micheli Bolognesi: la scuola è sempre più aperta al territorio e lo sarà anche d’estate, per consentire agli studenti di partecipare a corsi di musica o di fotografia, di murales e di fumetto così come di sport e vela e pure di speleologia.

Il tutto per offrire ai ragazzi e alle loro famiglie stimoli culturali, occasioni di sport e socializzazione importanti per la loro crescita personale. E quindi per fornire motivazioni, e prevenire quanto più possibile la dispersione scolastica, coinvolgendo il più possibile anche le famiglie.

Questo grazie alla collaborazione di numerosissimi enti e associazioni cittadine che lavoreranno sempre più in rete per la realizzazione di una alleanza formativa.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

E’ con questo intento, come ha spiegato alla stampa la dirigente dell’Istituto Comprensivo “Micheli Bolognesi” Cecilia Semplici, che è stato siglato questa mattina alla scuola “Campana” in via Stenone un accordo denominato “In rete per una comunità educante e inclusiva”, rivolto agli alunni dell’istituto comprensivo “Micheli Bolognesi” e alle loro famiglie.

A siglare l’accordo sono stati oltre alla professoressa Semplici, la vicesindaco di Livorno Libera Camici, e alcuni dei soggetti che aderiscono alla rete, fra i quali il presidente del Mascagni prof.Marco Luise, Giovanni Giannone, delegato CONI Livorno e Moreno Casini in rappresentanza della Sezione di Livorno della Lega navale italiana. Presente alla presentazione alla stampa anche Tiziana Rapisarda in rappresentanza del Provveditorato agli Studi

Hanno aderito all’accordo, oltre a quelli citati, un gran numero di soggetti (non tutti presenti per motivi legati alle norme di prevenzione del Covid-19):

Fondazione Teatro Goldoni,Museo di storia naturale del Mediterraneo,Diocesi di Livorno – Ufficio scuola, Comitato provinciale Unicef Livorno, Comunità S.Egidio,Fondazione Caritas Livorno, Cesdi Livorno, Associazione autismo Livorno, Eppursimuove ASD, Oami o.n.l.u.s, Centro San Simone “Gli amici di tutti” o.n.l.u.s , Slow food Livorno, A.L.S.A. Associazione Livornese Scienze Astronomiche, Associazione speleologi livornese, Parrocchia Sacra Famiglia, Croce rossa italiana – Comitato di Livorno, Istoreco Livorno, Uovo alla pop APS, Maniacane A.S.D. , Koala ludo Livorno , Associazione Zenith ASD, Oratorio salesiano Livorno, Robocode ASD, Circolo tennis Porto di Livorno, Circolo damistico livornese Piero Piccioli ASD, Livorno scacchi ASD, Associazione Nausika – LaAV Letture ad Alta Voce, DaxoLab Coworking & Startup Incubator, Associazione Comunico ASP, Associazione ViviCecioni, Fondazione Rosso come Pippi APS .

La vicesindaca Libera Camici si è detta molto entusiasta nel vedere come il territorio ha risposto, ricordando di quanto sia importante fare squadra per prevenire anche situazioni di disagio familiare delle quali l’abbandono scolastico è uno dei sintomi più evidenti. “Speriamo – si è augurata Libera Camici – di veder presto finanziato dal Ministero per le politiche per la famiglia un importante progetto del Comune per i quartieri di Shangai e Corea che va nel senso di includere le famiglie in percorsi che partono dalle scuole e dagli alunni”.

Anche la professoressa Rapisarda in rappresentanza del Provveditorato ha dichiarato che “è bellissimo leggere questo numero così grande di partner. Non tutti i bambini nascono con le stesse opportunità. È giusto e importante trovare il modo di fornirle a tutti”.

Più in dettaglio, obiettivo del progetto è quello di incoraggiare “l’apprendimento collaborativo, realizzando percorsi laboratoriali, promuovendo lo sviluppo delle competenze e la consapevolezza del proprio modo di apprendere attraverso opportunità educative innovative, la promozione del benessere scolastico, il contrasto alla dispersione e lo sviluppo del senso di cittadinanza”.

Tra le finalità dell’accordo anche quelle di “sviluppare le competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica attraverso la valorizzazione dell’educazione interculturale e alla pace, del rispetto delle differenze e del dialogo tra le culture, del sostegno dell’assunzione di responsabilità nonché della solidarietà e della cura dei beni comuni e della consapevolezza dei diritti e dei doveri, di comportamenti responsabili ispirati alla conoscenza e al rispetto della legalità, della sostenibilità ambientale, dei beni paesaggistici, del patrimonio e delle attività culturali”.

I partner della rete collaboreranno con la scuola per migliorare la partecipazione di tutti gli alunni e le alunne alla vita scolastica e sociale, in un percorso educativo e formativo che garantisca il pieno sviluppo della persona grazie all’ampliamento delle opportunità offerte.

 

Gli interventi previsti dall’accordo interesseranno:

  • educazione alla cittadinanza, alla legalità ed alla partecipazione attiva
  • iniziative per promuovere la convivenza civile, la democrazia, la solidarietà, l’uguaglianza e la pari dignità sociale
  • iniziative per l’educazione alla sostenibilità ambientale e lo sviluppo del pensiero computazionale
  • percorsi per lo sviluppo del benessere psico-fisico e per lo sviluppo delle life skills
  • sviluppo del service learning e dell’educazione alla solidarietà

LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...