L’Ucraina accusa la Russia del massacro di civili a Bucha che sciocca l’Europa

Dopo aver ripreso la città, i militari ucraini hanno denunciato esecuzioni sommarie

L’Ucraina accusa la Russia del massacro di civili a Bucha che shocka l’Europa.

Le truppe ucraine, approfittando dell’abbandono delle posizioni dell’esercito russo dall’area intorno a Kiev, stanno rientrando nelle città occupate. Una di queste città, Bucha, è al centro dell’attenzione da ieri, quando sono emerse le prime immagini di distruzione e morte portate dalla guerra.

L’Ucraina accusa la Russia di aver ucciso dei civili inermi. In particolare, il Ministero della Difesa ha diffuso un video molto crudo tramite il suo account Twitter. Nel video si vedono alcuni corpi di civili abbandonati senza vita con le mani legate dietro alla schiena tra le vie della città.

Diversi osservatori internazionali stanno documentando la presenza di fosse comuni di cadaveri di civili. Un portavoce dell’associazione Human Rights Watch spiega che, nel corso della giornata di ieri, è stato documentato “un certo numero di esecuzioni sommarie dovute alle forze della Federazione Russa”.
La stessa associazione dice di aver intervistato una testimone che ha visto le truppe russe radunare cinque uomini e sparargli alla nuca.

L'Ucraina accusa la Russia del massacro di civili a Bucha che shocka l'Europa

Le parole di Zelensky

Alla vista delle immagini che stanno arrivando da Bucha, il presidente ucraino Volodymir Zelesnky ha reagito accusando i soldati russi di essere “assassini, saccheggiatori e macellai“, lo riporta il Kyiv Independent. Secondo  la stessa fonte Zelensky  avrebbe invitato l’ex Cancelliera tedesca, Angela Merkel, e il presidente francese Sarkozy a Bucha, per vedere il “risultato delle loro concessioni alla Russia nel corso degli anni”

Lo shock europeo

“Un massacro” è invece il commento di Charles Michel, Presidente del Consiglio Europeo. Dall’altra parte della manica, Boris Johnson, ha detto che farà tutto ciò che è in suo potere “per affamare la macchina da guerra di Putin”. Il Primo Ministro del Regno Unito ha annunciato ulteriori sanzioni e un aumento degli aiuti militari e umanitari all’Ucraina.

Il Presidente del Consiglio italiano, Mario Draghi, ha rilasciato una nota in cui condanna “la crudeltà dei massacri di civili inermi” che trova “spaventosa e insopportabile”.

“Le autorità russe devono cessare subito le ostilità, interrompere le violenze contro i civili, e dovranno rendere conto di quanto accaduto.” – continua Draghi – “L’Italia condanna con assoluta fermezza questi orrori, e esprime piena vicinanza e solidarietà all’Ucraina e ai suoi cittadini”.

La Russia nega ogni accusa

La Russia, tramite un comunicato dell’agenzia di stampa TASS, ha negato ogni coinvolgimento nelle uccisioni e ha rilanciato le accuse contro l’Ucraina, che avrebbe bombardato la città dopo l’abbandono delle truppe del Cremlino. Il Ministro della Difesa russo, Anatoly Antonov, ha detto che “nemmeno un civile ha subito violenza mentre le truppe russe occupavano la città”.
In ogni caso, sottolinea la stessa agenzia russa, Antonov non ha fornito nessuna spiegazione per i civili uccisi e trovati con le mani legate dietro alla schiena nelle strade di Bucha.

 

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...