fbpx

Choc alla Quintana di Ascoli, cavaliere cade e grave infortunio per il cavallo. OIPA: “la tradizione non vale la vita di un essere senziente”

il dramma sotto gli occhi di tutti: il cavallo ferito portato in una clinica veterinaria a Teramo

Choc alla Quintana di Ascoli, cavaliere cade e si fa male ad una spalla, grave infortunio per il cavallo. OIPA: “la tradizione non vale la vita di un essere senziente”

Ascoli, incidente choc alla Quintana: il cavaliere Nicolas Lionetti perde il controllo del cavallo e cade finendo in ospedale, il cavaliere si è fatto male a una spalla e a un polso ed è stato accompagnato all’ospedale Mazzoni per accertamenti radiografici, serie le condizioni per il cavallo, un purosangue inglese, che si è infortunato gravemente.

Il cavallo, come si vede dal video, è stato soccorso dall’ambulanza veterinaria. La giostra della Quintana di Ascoli Piceno è stata interrotta per l’incidente. Il cavaliere biancorosso è caduto nell’affrontare l’ultima curva al termine della seconda delle tre tornate del torneo cavalleresco ascolano, la giostra è stata ripresa dopo mezz’ora.

Nicolas Lionetti, 24 anni di Faenza, che non ha riportato gravi conseguenze nella caduta, è stato comunque trasportato all’ospedale Mazzoni per accertamenti.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Choc alla Quintana di Ascoli, fantino cade e grave infortunio per il cavallo. OIPA: "la tradizione non vale la vita di un essere senziente"
Mentre molto più serie le conseguenze al suo cavallo, un purosangue inglese, rimasto a terra a lungo e soccorso dai veterinari. L’animale, purtroppo, ha subito un trauma alla zampa anteriore destra ed è stato trasferito in una clinica veterinaria per valutarne le condizioni.

Già un mese fa, il cavaliere Massimo Gubbini, era caduto, travolto dal suo cavallo durante le prove della Quintana della cittadina umbra. Gubbini era stato ricoverato presso la struttura complessa di rianimazione dell’ospedale di Foligno.  La cavalla invece è morta a causa di un infarto.

Durissime le proteste e le prese di posizione da parte delle associazioni a protezione degli animali.

“Palii e Quintane sono manifestazioni pericolose, anche per fantini e cavalieri, che mettono in secondo piano i diritti degli animali”. È il commento dell’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) dopo l’incidente di oggi alla Quintana di Ascoli Piceno.

“Durante lo svolgimento della seconda tornata il cavaliere del sestiere della Piazzarola nell’affrontare una curva ha perso il controllo del cavallo ed è caduto. A quanto si apprende, l’uomo è finito all’ospedale e il povero cavallo in un centro veterinario di Teramo”.

«È ora di voltare pagina: siamo nel XXI secolo e ancora dobbiamo assistere a questi spettacoli anacronistici che mettono a repentaglio vite umane e animali», commenta il presidente dell’Oipa, Massimo Comparotto.

«Questi tornei sono competizioni anacronistiche talvolta fatali per gli animali. Per questo motivo, da sempre, ne auspichiamo l’abolizione. La tradizione non vale la vita di un essere vivente».

Come per il Palio di Siena, l’Oipa chiede l’abolizione di ogni Torneo, Giostra, Quintana che faccia gareggiare cavalli: “troppi i cavalli morti e infortunati per queste competizioni. La tradizione non vale la vita di un essere senziente: si trovino modi alternativi per le rievocazioni, e che siano rispettosi degli animali, ora tutelati anche dall’articolo 9 della Costituzione”.

 

 

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×