Piombino, tenta di investire con l’auto l’ex marito: arresti domiciliari per una 32enne

Su ordine della Procura di Livorno, che ha coordinato le indagini, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Piombino hanno eseguito un’Ordinanza di applicazione della misura degli arresti domiciliari, emessa dal G.I.P. del Tribunale di
Livorno, nei confronti di una donna, 32enne, da tempo residente in città.
È ritenuta responsabile dei reati di maltrattamenti contro familiari, atti persecutori, rapina e lesioni personali, nei confronti dell’ex coniuge e della figlia. I fatti risalgono alla notte del 23 ottobre scorso, quando i Carabinieri intervengono sul Lungomare Marconi di Piombino per quello che, apparentemente, viene descritto all’operatore della Centrale Operativa dell’Arma di Piombino come un incidente stradale tra
un’autovettura e un monopattino elettrico, a seguito del quale i rispettivi conducenti si allontanavano prontamente dall’evento.
Gli accertamenti posti in essere nell’immediatezza dai Carabinieri del N.O.R.M. della locale Compagnia, invece, consentivano di accertare che non si trattava di un sinistro stradale (tra l’altro, sul manto stradale non venivano rilevati segni riconducibili ad una perdita di
controllo del veicolo) nonché di identificare il conducente del monopattino, nel frattempo, rintracciato presso il locale Pronto Soccorso dove si era recato per le cure mediche.
L’uomo, nella circostanza, riferiva agli operanti una serie di episodi anche violenti posti in atto da parte dell’ex coniuge. Già nell’agosto 2021 era stato vittima di una rapina: la donna avrebbe sferrato un pugno al volto all’ex e si sarebbe impossessata di 60 euro contanti.
I militari, su delega della Procura di Livorno, svolgevano ulteriori attività d’indagini che consentivano di riscontrare le dichiarazioni dell’uomo. In effetti, per quanto accertato dai Carabinieri, allo stato, la donna, da circa un anno, dopo la fine del rapporto sentimentale e di
convivenza, avrebbe reiterato nei suoi confronti maltrattamenti e atteggiamenti persecutori che culminavano la notte del 23 ottobre scorso con il tentativo di investirlo con un’autovettura mentre si stava recando a lavoro con il monopattino.
Il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Livorno, su richiesta della Procura di  Livorno, concordando pienamente con l’ipotesi investigativa dei Carabinieri di Piombino, ha disposto nei confronti della donna, la misura cautelare degli arresti domiciliari.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...