BOLOGNA-MILAN 2-3: TRIS ROSSONERO AL DALL’ARA

Piatek, T.Hernandez e Bonaventura regalano a Pioli la seconda vittoria consecutiva attraverso il bel gioco ed una prestazione che mette in risalto la personalità di una squadra che mostra di avere ampi margini di miglioramento. Al Bologna, rientrato in partita grazie ad un autorete di T.Hernandez, non basta il rigore realizzato da Sansone per acciuffare il pari. Per la prima volta in stagione il Milan realizza più di due gol in una partita.

LE FORMAZIONI

BOLOGNA: 4-2-3-1: Skorupski; Tomiyasu, Danilo, Bani, Denswil; Pioli, Dzemaili(64′ Santander); Skov Olsen(77′ Orsolini), Schouten(46′ Svanberg), Sansone; Palacio.

MILAN: 4-3-3: Donnarumma; Conti, Musacchio, Romagnoli, T.Hernandez; Kessié, Bennacer(70′ Biglia), Bonaventura(78′ Paquetà); Suso, Calhanoglu(84′ Castillejo), Piatek.

LA CRONACA

Per la trasferta emiliana, Pioli conferma lo stesso undici che nel precedente turno ha battuto il Parma. Buon avvio di gara dei rossoneri che al 15′ hanno l’opportunità di portarsi in vantaggio. Piatek, dalla sinistra, con una splendida azione personale, penetra in area di rigore e viene atterrato da Bani. Per il direttore di gara è calcio di rigore: dal dischetto il centravanti polacco spiazza il connazionale bolognese portando il Milan sullo 0-1. Il Bologna sembra patire psicologicamente il gol subito e i rossoneri provano ad approfittarne: al 25′ Calhanoglu ci prova dal limite, ma al momento della conclusione il turco non riesce a colpire ottimamente la sfera e il suo tiro termina fuori dallo specchio della porta avversaria. Il Milan dà l’impressione di essere padrone della gara e al 32′ trova il meritato raddoppio. Splendida palla filtrante di Suso per Theo Hernandez che, con un movimento a tagliare verso l’interno, si ritrova solo davanti al portiere in area di rigore e deposita il pallone alle spalle di un incolpevole Skorupski. Al 39′ arriva, però, l’immediata risposta del Bologna che riapre la partita grazie ad un autogol propiziato da T.Hernandez, in marcatura su Denswil, sugli sviluppi di un calcio d’angolo. La prima frazione di gioco si conclude sul parziale di 1-2 per i rossoneri.

Dopo appena 50 secondi dall’inizio della ripresa il Milan trova il terzo gol: Bonaventura, dopo una serie di rimpalli, si ritrova il pallone presso il limite dell’area di rigore rossoblu. Il centrocampista rossonero non tergiversa e con una impeccabile traiettoria a giro fulmina Skorupski per la terza volta in serata. Al 49′ i padroni di casa provano a rispondere al gol subito: ottimo uno-due imbeccato da Poli in area di rigore rossonera che libera il centrocampista rossoblu alla conclusione deviata prontamente da Donnarumma in calcio d’angolo. Al 59′ Piatek vicinissimo alla doppietta personale: il bomber polacco riceve un buon pallone da Bennacer presso la linea dell’area di rigore e lascia partire un destro provvidenzialmente deviato in calcio d’angolo da Danilo. Al 70′ Pioli effettua il primo cambio: dentro Biglia al posto di un già ammonito Bennacer. All’80’ episodio dubbio in area di rigore rossonera: T.Hernandez frena addosso ad Orsolini. Per Chiffi, dopo il consulto col VAR, è calcio di rigore. Dal dischetto Sansone batte Donnarumma e realizza il 2-3. Nel finale il Bologna tenta il tutto per tutto ma la difesa rossonera non si scompone e regge bene il forcing rossoblu. È addirittura il Milan a rendersi pericoloso nel finale in ben tre occasioni. Per due volte ci prova Castillejo, subentrato a Calhanoglu, ma entrambe le conclusioni dello spagnolo terminano abbondantemente alte sopra la traversa. L’ ultima occasione del match è per Piatek che viene murato sul più bello da una provvidenziale uscita di Skorupski che evita il poker rossonero. Il direttore di gara sancisce la fine del match: il Milan batte 2-3 il Bologna al Dall’Ara e sale a quota 20 punti in classifica.

#ACMilan.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...