fbpx
CAMBIA LINGUA

I migliori giovani direttori d’orchestra del mondo a Grosseto per la terza edizione del concorso “Sergei Kussewitzky”

Alle selezioni hanno partecipato 47 giovani talentuosi direttori d'orchestra da 20 Paesi di tutto il mondo.

I migliori giovani direttori d’orchestra del mondo a Grosseto per la terza edizione del concorso “Sergei Kussewitzky”.

Alle selezioni hanno partecipato 47 giovani talentuosi direttori d’orchestra da 20 Paesi di tutto il mondo. I migliori 8 sono in arrivo a Grosseto per la fase finale del concorso Sergei Kussewitzky giunto alla terza edizione e organizzato dall’associazione musicale Scriabin in collaborazione con il Comune di Grosseto e il sostegno del Rotary club Grosseto e di Fondazione Grosseto cultura.
Sede della fase finale è il Teatro degli Industri. Il programma prevede le semifinali venerdì 13 ottobre (ingresso libero) e sabato 14 ottobre dalle 18 la serata finale (ingresso a pagamento; infoline WhatsApp 333.5372994, biglietti in vendita anche al botteghino del teatro prima del concerto) con i tre finalisti – secondo il verdetto della giuria internazionale – che dirigeranno l’Orchestra sinfonica Città di Grosseto con composizioni di Mozart, Schubert e Beethoven.

Gli otto semifinalisti sono Chaowen Ting (Taiwan), Hae Lee (Corea del sud), Hannah Schendel (Usa), Oi Ching Chan (Hong Kong), Junyoung Kim (Corea del Sud), Mateusz Moleda (Germania), Taichi Hiratsuka (Giappone) e Xiaobo Hu (Cina).
La giuria internazionale è composta da Vittorio Parisi (Italia, presidente), Massimo Belli (Italia), Christian Fitzner (Germania), Francisco Javier Gutierrez (Spagna), Massimo Merone (Italia) e Szimon Makowski (Polonia).

Il primo premio del concorso è una borsa di studio di 3mila euro (più targa, diploma e concerti); il secondo premio è una borsa di studio di 2mila euro (più targa e diploma); il terzo premio è una borsa di studio di mille euro (più targa e diploma). Il premio Orchestra “Città di Grosseto” è una borsa di studio di 500 euro con diploma.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

«Il concorso per direttore d’orchestra “Sergei Kussewitzky” che, come ogni anno, torna a Grosseto per l’evento finale – dichiarano il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e l’assessore alla Cultura, Luca Agresti – è una rassegna dal grande valore culturale, musicale e promozionale, come testimoniano le scorse edizioni a cui hanno partecipato complessivamente 130 concorrenti provenienti da 31 nazioni. Anche quest’anno, al termine di una selezione davvero dura, gli otto semifinalisti scelti tra decine di candidati talentuosi e meritevoli provenienti da tutto il mondo, dimostrano il grande valore culturale, musicale e promozionale dell’evento. Manifestazioni come questa diffondono l’arte della musica e contribuiscono a incrementare il prestigio della Città di Grosseto in ambito nazionale e internazionale. La nostra riconoscenza va a tutti gli organizzatori, al maestro Massimo Merone e al direttore artistico del concorso, il maestro Antonio Di Cristofano, che con impegno e passione contribuiscono ad alimentare questa vitalità culturale».

«Un’altra tappa della laboriosa attività di Antonio di Cristofano, coadiuvato dal maestro Massimo Merone, sta per giungere al termine – dichiara Luigi Mansi, presidente dell’Associazione Scriabin –con la fase finale della terza edizione del concorso internazionale per direttori d’orchestra intitolato a Sergei Kussewitzky. Quarantasette direttori provenienti da 20 paesi di tutto il mondo hanno partecipato alla competizione: tra loro, otto maestri di grandissimo livello sono in semifinale, fra cui tre donne. Non ci sono italiani fra gli otto semifinalisti, nonostante nel mondo oggi si possa parlare di un momento d’oro dei direttori d’orchestra del nostro Paese e tanti giovani italiani abbiano scelto questa carriera. In un panorama italiano che possiamo definire problematico, con i nostri teatri d’opera che non vivono generalmente una situazione florida, il concorso Kussewitzky è promotore di un’azione culturale che mantiene acceso l’interesse per chi decide anche in Italia di intraprendere una carriera con prospettive difficili e contribuisce allo sviluppo di un asset fondamentale per un Paese che ha come pilastri la cultura, l’arte, la natura, il turismo. Auguriamo al concorso una lunga vita, nella speranza di vedere come finalisti tanti giovani italiani che mantengano accesa la tradizione dei grandi direttori che tanto lustro hanno dato alla nostra nazione».

«Anche quest’anno l’organizzazione del Concorso Kussewitzky è stata premiata dalla partecipazione di direttori d’orchestra provenienti da tutto il mondo – ricordano Antonio Di Cristofano e Massimo Merone del comitato organizzatore – e questo dimostra quanto l’attività musicale cittadina sia sotto lo sguardo di musicisti di formazione e attività di livello internazionale. La collaborazione tra il Comune di Grosseto, l’Orchestra sinfonica “Città di Grosseto”, l’Associazione musicale “Scriabin” e le varie partnership hanno dato i loro frutti, portando nuovamente la nostra città al centro di eventi musicali di rilevanza mondiale. La giuria internazionale, quest’anno presieduta dal maestro Vittorio Parisi, ha svolto il suo lavoro selezionando, dopo una prima fase, otto semifinalisti che si sono contesi la partecipazione alla finale. I tre finalisti si esibiranno domenica 14 ottobre guidando l’orchestra “Città di Grosseto” e contendendosi premi in denaro e concerti. Il concorso Kussewitzky continua ad essere un punto di riferimento di grande interesse per i direttori d’orchestra: per questa ragione confidiamo che sarà sempre più apprezzato in Italia e all’estero».

I migliori giovani direttori d'orchestra del mondo a Grosseto per la terza edizione del concorso "Sergei Kussewitzky"

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×