fbpx

Bologna, cinquanta nuovi schermi digitali in città

Spazi innovativi di comunicazione a disposizione del Comune di Bologna grazie all’accordo con la concessionaria IGPDecaux

Bologna, cinquanta nuovi schermi digitali in città.

 

Cinquanta nuovi schermi digitali sono in funzione da oggi, lunedì 17 aprile, in città. Si tratta di nuove installazioni digitali che fanno parte dei 227 nuovi impianti di arredo urbano che IGPDecaux installerà e manuterrà per i prossimi 11 anni e che sostituiranno gli attuali manufatti collocati una quindicina di anni fa. Si tratta di un progetto di rimodulazione basato sull’ecodesign e sull’utilizzo di processi di gestione sostenibili, a partire dall’impiego di alimentazione proveniente al 100% da fonti rinnovabili e da sistemi di risparmio energetico.
Il contratto di concessione degli spazi siglato da IGPDecaux e Comune di Bologna, offre a palazzo d’Accursio l’opportunità di utilizzare il nuovo sistema impiantistico per la comunicazione istituzionale in tempo reale e attraverso modalità interattive. L’Amministrazione comunale avrà infatti a disposizione, gratuitamente, un nuovo canale di comunicazione con il cittadino per veicolare informazioni di servizio, raccontare opportunità, eventi e progetti, ospitare campagne di pubblica utilità o istituzionali: il primo soggetto che compare sugli schermi digitali è il manifesto per la Festa del 21-25 aprile (in allegato foto di Giorgio Bianchi), realizzato nell’ambito del progetto di comunicazione sociale “Poster for the city” dell’Accademia di Belle Arti e Comune di Bologna.

Il piano economico finanziario del concessionario è di circa 36 milioni di euro in 11 anni e il canone riconosciuto al Comune per l’intero periodo sarà di oltre 14 milioni di euro.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

“Un’operazione virtuosa per il Comune di Bologna – è il commento dell’assessora al Bilancio Roberta Li Calzi – che da un lato riduce il numero di impianti in città e qualifica la rete con questi nuovi schermi digitali che guardano al futuro. E dall’altra porta all’Amministrazione comunale risorse preziose e offre alla città un nuovo strumento di comunicazione pubblica che non ha precedenti e che credo avvicinerà il Comune ai suoi cittadini e cittadine”.

Bologna, cinquanta nuovi schermi digitali in città.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×