Roma, entra in un mobilificio in mutande, rapina l’addetto e ruba uno scooter, poi si nasconde al Pronto Soccorso: arrestato

Roma, si è introdotto all’interno di un mobilificio a Palmarola, periferia nord della capitale e dopo aver minacciato il dipendente che si trovava all’interno, con un oggetto acuminato, si è fatto consegnare il suo cellulare colpendolo contestualmente con un violento pugno all’altezza dell’orecchio sinistro. Poi, uscito dal negozio, ha bloccato uno scoter che stava transitando in quel momento sulla strada e dopo aver scaraventato a terra il conducente, si è impossessato del mezzo per fuggire.

E’ accaduto nel primo pomeriggio di ieri in via Inzago. Ad intervenire immediatamente sul posto, a seguito di una segnalazione della sala operativa della Questura di Roma una pattuglia del XIV Distretto di Primavalle, una delle Sezioni Volanti ed una del commissariato Monte Mario. Nella prima attività investigativa gli agenti, oltre alle dichiarazioni della vittima e di un testimone sono riusciti ad identificare l’aggressore tramite il documento perso dallo stesso nella fuga. A segnalare poi il ricercato agli agenti poco dopo è stato personale del pronto soccorso del San filippo Neri non appena hanno visto l’uomo entrare a tutta velocità con lo scooter, lasciarlo in terra per poi accedere all’interno dell’ospedale spintonando chiunque si trovasse dinanzi. P.M., 41enne romano, raggiunto dai poliziotti all’ospedale, ha continuato la sua fuga, nascondendosi in due bar prima di essere definitivamente bloccato anche grazie all’intervento di personale sanitario.
Il 41enne, arrestato, è attualmente ricoverato e piantonato in ospedale da agenti di polizia.
A causa delle percosse ricevute due poliziotti sono dovuti ricorrere a cure mediche.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...