Ragusa, tenta di dare fuoco a un bar dopo un litigio per l’uso della mascherina: arrestato

Modica (Ragusa), nella notte di giovedì 6 gennaio i Carabinieri della Compagnia di Modica hanno rintracciato ed arrestato S.G., 43enne modicano che, appena poche ore prima dell’intervento dei militari dell’Arma, aveva tentato di dar fuoco al Bar “AMORE”, nel cuore di Modica Alta.

Le motivazioni alla base del gesto sono apparentemente futili e riconducibili ad un diverbio tra il soggetto arrestato ed i proprietari dell’esercizio commerciale. L’autore del reato infatti, nella serata del 6 gennaio, avrebbe fatto ingresso nel locale senza fare uso delle prescritte misure di protezione delle vie respiratorie, in barba alle regole per la prevenzione della diffusione del virus Covid 19.

Ammonito dal titolare e, successivamente, invitato ad indossare il previsto DPI, avrebbe dato in escandescenza arrivando a minacciare i gestori ed i dipendenti del locale. Nel corso della stessa serata sarebbe poi stato avvistato, da uno dei dipendenti, aggirarsi nei pressi dell’ingresso del bar con una tanica di plastica.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Da lì a pochi minuti il divampare delle fiamme e l’intervento dei Vigili del Fuoco. Tempestivo l’arrivo sul posto anche dei Carabinieri che, proprio durante il sopralluogo, hanno notato il soggetto transitare davanti al locale, probabilmente per accertare i danni provocati. Prontamente fermato S.G., esperiti i dovuti accertamenti, è stato tratto in arresto e ristretto in regime di arresti domiciliari come disposto dalla competente A.G.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...