fbpx
CAMBIA LINGUA

A Roma maxi colpo per le attività legate allo spaccio: sequestrati oltre 300 kg di droga, un fucile con matricola abrasa e 4.500 euro.

Due operazioni effettuate nell’arco di 24 ore e arrestati 3 uomini per spaccio.

A Roma maxi colpo per le attività legate allo spaccio: sequestrati oltre 300 kg di droga, un fucile con matricola abrasa e 4.500 euro.

Roma. Nelle ultime ore un altro duro colpo è stato dato dalla Polizia di Stato, con il coordinamento della Procura, allo spaccio di sostanze stupefacenti nella capitale. Sono stati gli investigatori del III Distretto Fidene-Serpentara, nel corso di due operazioni effettuate nell’arco di 24 ore, ad arrestare 3 uomini per spaccio e a sequestrare oltre 300kg di sostanze stupefacenti.

In una prima operazione, venuti a conoscenza di un’attività criminosa legata allo spaccio in via Copenaghen (Fiumicino), gli investigatori del III Distretto di via Franco Enriquez hanno posto sotto osservazione un box con all’interno 2 uomini indaffarati a prelevare alcuni cartoni per riporli nel cofano di una macchina: entrati in azione, hanno immediatamente bloccato i 2, un 55enne e un 31enne, entrambi italiani. La successiva perquisizione, estesa anche alla casa di uno dei 2 sospettati in via Stoccolma, ha portato al sequestro di un quantitativo veramente ingente di diverse tipologie di sostanza stupefacente: oltre 300 kg tra hashish, marijuana, cocaina ed extasi; inoltre, nello stesso appartamento, è stato rinvenuto un fucile semiautomatico marca Breda, con numero di matricola abrasa, e 69 colpi cal.380.

Poche ore dopo i poliziotti, durante un altro servizio dedicato, transitando presso l’area di servizio di Selva Candida sul GRA, hanno notato una persona sospetta che sostava nel parcheggio. È scattato quindi il controllo del ragazzo, un 21enne italiano che, di fronte agli agenti, non è riuscito a celare la sua preoccupazione. Immancabile è quindi seguita la perquisizione del veicolo, dove sono stati scoperti più di 7 kg di droga tra hashish e cocaina, oltre a più di 4500 euro in contanti. Tutti gli arresti sono stati convalidati dall’Autorità Giudiziaria.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Ad ogni modo gli indagati sono da ritenersi presunti innocenti, in considerazione dell’attuale fase del procedimento ovvero quella delle indagini preliminari, fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile.

sequestro

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×