NAPOLI-INTER 4-1, ORA PER LA CHAMPIONS SERVE UNA VITTORIA CONTRO L’EMPOLI

Nerazzurri battuti senza appello al San Paolo da un bel Napoli in rete con Zielinski, Mertens e due volte Ruiz. A nulla serve la rete di Icardi su rigore

334

Troppo poco.Troppo poco 10 minuti di buon gioco all’inizio. Troppo tardi per essere cattivi quando sei sul 2-0. Troppi errori in costruzione. La serataccia dell’Inter a Napoli, una delle peggiori della stagione, è il frutto di una partita giocata con piglio e convinzione nei primi 10 minuti e di uno sciagurato errore in costruzione di Asamoah che mette Zielinski nelle condizioni di indovinare un eurogol. Da quel momento la partita cambia completamente con il Napoli che onora il gioco del calcio e una Inter brutta e contratta, senza idee e anima, soprattutto deficitaria nei passaggi e nelle ripartenze. L’avvio del secondo tempo sembra dare qualche segnale migliore a Spalletti, ma arriva il 2-0 di Mertens a complicare terribilmente campionato e partita. L’Inter si sveglia, va vicina al 2-1 e solo il salvataggio di testa di Koulibaky evita il 2-1. Ma si aprono praterie e i padroni di casa, a differenza dell’Inter, sfruttano ogni occasione con precisione chirurgica. Da una parte arrivano due gol, dall’altra una traversa e un rigore realizzato da Icardi. Quasi un 5 maggio, ma per fortuna per i nerazzurri ci sarà un’ultima finale contro l’Empoli lanciatissimo verso la salvezza. E servirà la migliore squadra, ben diversa da quella di oggi, per centrare una qualificazione in Champions League che la pazza Inter ha deciso di complicarsi terribilmente.

Le formazioni

Inter: Handanovic, D’Ambrosio, Skriniar, Miranda, Asamoah, Gagliardini, Brozovic, Politano, Nainggolan, Perisic, Lautaro. Napoli: Karnezis, Malcuit, Albiol, Koulibaly, Ghoulam, Callejon, Allan, Zielinski, Fabian, Mertens, Milik.

La cronaca

Al 15’ errore di Asamoah in costruzione, Zielinski non perdona con una sassata imprendibile dai 30 metri. Al 17’ Politano serve Perisic in buona posizione, che la manda alle stelle dal centro dell’area. Al 21’ Mertens impegna Handanovic da fuori area. Al 36’ Martinez dal limite dell’area, Karnezis para con il piede. Nainggolan al 39’ in corsa la manda alta dal limite dell’area. Al 41’ Callejon grazia Handanovic spedendola oltre il palo esterno. Al 42’ Miranda anticipa Milik lanciato solo in area: vale come un gol. Al 43’ Politano dal limite la manda oltre la traversa. L’Inter rientra in campo con Icardi al posto di Politano. Al 52′ Perisic smarca Martinez che indugia troppo e si fa murare. Al 53′ Napoli pericoloso in area, recupera all’ultimo Skriniar. Al 57′ Vecino prende il posto di Gagliardini. Al 60′ Mertens incorna di testa beffando Miranda e D’Ambrosio. Al 66′ Vecino di petto per D’Ambrosio, palla deviata di mano dall’estremo difensore napoletano, ad anticipare Martinez. Al 67′ Koulibaky miracoloso di testa a evitare il gol di Martinez. Al 70′ Handanovic salva sul primo tiro di Milik, ma non può nulla sul rigore in movimento di Ruiz. Al 73′ Martinez colpisce la traversa piena sulle conseguenze di un calcio d’angolo. Al 77′ Icardi di testa, palla tra le mani del portiere napoletano. Al 78′ Ruiz segna il quarto gol. All’80’ xx stende Icardi in area per il rigore del 4-1 realizzato dall’ex capitano. All’83’ Candreva in area a tu per tu con Karnezis la spara di potenza sul portiere.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com