JUVENTUS-MILAN 2-1: KEAN CONDANNA I ROSSONERI

326

Un ottimo Milan esce immeritatamente sconfitto dal big match dell’Allianz. All’iniziale gol di Piatek, i bianconeri hanno risposto col rigore di Dybala e la rete nel finale di Kean. Nella prima frazione di gioco, la squadra di Gattuso recrimina per un rigore non concesso.

LE FORMAZIONI

Gattuso ritorna al 4-3-3 lanciando dal 1′ Borini nel tridente d’attacco. Calhanoglu scala nei tre di centrocampo con Kessié e Bakayoko. Solo panchina per Biglia e Cutrone.

JUVENTUS: 3-5-2: Szczesny; De Sciglio, Bonucci, Rugani; Spinazzola(61′ Pjanic), Bentancur, Bernardeschi, E. Can(25′ Khedira), Alex Sandro; Dybala(66′ Kean), Mandzukic.

MILAN: 4-3-3: Reina; Calabria(85′ Cutrone), Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Kessié, Bakayoko, Calhanoglu; Suso(76′ Castillejo), Piatek, Borini.

LA CRONACA

Buon avvio di gara del Milan: al 1′ Suso, dalla destra, mette in mezzo un interessante cross per la testa di Piatek che, da due passi, manca clamorosamente la porta. Al 24′, dagli sviluppi di un calcio d’angolo, buona occasione per Bakayoko ma la sua conclusione viene murata dalla difesa avversaria. Al 29′ Suso serve in area di rigore Kessié, ma l’ivoriano svirgola la conclusione che non impensierisce Szczesny. Al 34′ l’arbitro Fabbri viene chiamato a rivedere un dubbio tocco di mano in area di rigore bianconera. Ma il direttore di gara, dopo aver consultato il VAR, opta nel non concedere il penalty. Al 39′ il Milan passa meritatamente in vantaggio: Bakayoko recupera un ottimo pallone sulla trequarti avversaria e serve Piatek davanti a Szczesny. L’attaccante polacco rimane freddo e deposita la sfera in rete. Al 46′ primo vero tentativo della Juventus: Mandzukic in acrobazia impegna Reina che, con un volo plastico, devia in angolo. La prima frazione di gioco si conclude con i rossoneri in vantaggio per 0-1.

Ad inizio ripresa è ancora il Milan a rendersi pericoloso con una conclusione a giro di Piatek che Szczesny devia in angolo. Al 58′ ingenuo intervento di Musacchio in area di rigore. Per Fabbri non ci sono dubbi: è calcio di rigore. Dal dischetto Dybala non sbaglia e sigla l’1-1. Al 65′ il Milan va vicino al vantaggio con una punizione dal limite di Calhanoglu che termina di poco a lato dal palo. Un minuto più tardi, dopo una bella sfonda di Mandzukic in area di rigore, Khedira ha sul destro il tap-in vincente ma viene prontamente murato da Musacchio. Al 78′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Alex Sandro svetta di testa sul primo palo, ma il suo tentativo termina di poco fuori. All’83’ la Juve passa in vantaggio: Pjanic recupera un ottimo pallone sulla trequarti e serve Kean in area di rigore. L’attaccante bianconero, davanti a Reina, non sbaglia e realizza il 2-1. Al 90′ conclusione dal limite di Calhanoglu respinta prontamente da Szczesny. Fabbri dice che può bastare così: la Juve in rimonta batte i rossoneri per 2-1.

TABÙ ALLIANZ

Ottava sconfitta su otto gare per il Milan all’Allianz Stadium. I rossoneri hanno subito ben 17 reti dai bianconeri, realizzando soltanto 6 marcature. Un tabù che questa volta stava per essere sfatato. La squadra di Gattuso ha mandato segnali confortanti rispetto alle partite precedenti e in vista dei prossimi impegni che risulteranno decisi per la corsa Champions.

BOMBER PIATEK

Decimo gol in Serie A con la maglia rossonera per l’attaccante polacco che raggiunge quota 21 gol in campionato e 28 in stagione. Dopo le partite a secco, Piatek sembra aver ritrovato costantemente la via del gol. Per i prossimi impegni Gattuso potrà contare sui suoi gol.

Sabato, alle 20:30, i rossoneri affronteranno a San Siro la Lazio in uno spareggio per la Champions League.

#ANewMilan.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...