fbpx

Vicenza, riqualifica dell’area della stazione ferroviaria

Previsti un ampio sottopasso ciclopedonale, una piazza ipogea, il recupero della facciata storica e del fabbricato viaggiatori

Vicenza, riqualifica dell’area della stazione ferroviaria.

Nell’ambito dei progetti Pnrr, il Comune di Vicenza intende attuare un piano di riqualificazione e ricucitura dall’area della stazione ferroviaria fino a corso Palladio, passando per viale Roma, Campo Marzo e piazzale De Gasperi.

Il primo stralcio, già finanziato, è relativo proprio a piazzale De Gasperi. Il piano riguarderà quindi l’intero comparto urbano posto tra la ferrovia ed il centro storico, interessato anche dal Progetto dell’Attraversamento AV di Vicenza (secondo lotto funzionale linea AV/AC Verona-Padova), il cui progetto preliminare è stato approvato con delibera CIPE n.64/2020 ed il General Contractor IRICAV DUE ha ultimato il progetto definitivo, ora in corso di verifica da parte di RFI.

Nello stesso ambito si inserisce la strategia generale di RFI (Gruppo FS Italiane) volta a garantire il pieno raggiungimento dei nuovi obiettivi di sviluppo delle stazioni come hub intermodali e poli di servizi per il territorio, che a Vicenza offre l’opportunità di integrare al meglio gli interventi AV con quelli urbani, allineandoli con gli obiettivi di sostenibilità e qualità per tutti gli stakeholder.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

In tale contesto l’interlocuzione tra la Direzione Stazioni di RFI e l’amministrazione comunale ha portato alla condivisione di un’ipotesi progettuale in cui si prevede una riqualificazione del fabbricato viaggiatori e della piazza di accesso alla stazione.

Il progetto di rifunzionalizzazione e rigenerazione della stazione è stato illustrato questa mattina dall’ingegnere Susanna Borelli, responsabile della Direzione Stazioni – Ingegneria e Investimenti – Investimenti stazioni area Nord di RFI alla presenza del sindaco Francesco Rucco e del vicesindaco e assessore alla mobilità Matteo Celebron.

“Grazie alla collaborazione con Rfi – ha dichiarato il sindaco Francesco Rucco – in vista della realizzazione della linea dell’alta velocità puntiamo alla realizzazione di una stazione più funzionale, a cui pedoni e ciclisti potranno accedere in sicurezza grazie a un ampio sottopassaggio ciclopedonale”.

“Questo progetto – ha aggiunto l’assessore Matteo Celebron – risulta particolarmente attento alla mobilità sostenibile. Abbiamo infatti ottenuto un percorso ciclabile indipendente rispetto ai percorsi pedonali che collegano la città alla stazione, in modo da garantire a chi si muove in bicicletta spostamenti e interazioni più rapidi. E’ un progetto moderno di stazione che, come avviene nel nord Europa, diventa fulcro delle diverse forme di mobilità sostenibile della città”.

In particolare, sono previsti ad ovest una nuova connessione con il futuro sottopasso AV, che sarà integrato nell’atrio con una copertura vetrata per valorizzare il suo carattere storico; ad est l’apertura di un nuovo varco di connessione con i binari e la valorizzazione di un’area di attesa; nel centro si svilupperà un’area di circolazione e di attesa dei viaggiatori più ampia, a beneficio anche del recupero di tutti gli spazi interni inutilizzati, destinandoli a funzioni connesse al viaggio, come la velostazione. L’insieme sarà valorizzato in un concept più moderno e integrato da verde, arredi e superfici tecnologiche.

Punto di contatto tra la riqualificazione dell’ambito di viale Roma e la stazione così rinnovata sarà il nuovo sottopasso ciclopedonale, sviluppato dal progetto AV/AC con accoglimento delle osservazioni espresse dal consiglio comunale di Vicenza in sede di espressione del parere sul progetto preliminare.

Si riporterà infine alla luce la facciata storica della stazione progettata dall’architetto Roberto Narducci nel 1948 e si introdurrà un rivestimento cromaticamente integrato per legare i volumi rimanenti.

Video della presentazione: https://www.youtube.com/watch?v=er_NqpcToGM

 

Vicenza, riqualifica dell'area della stazione ferroviaria

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×