fbpx
CAMBIA LINGUA

Opere edili eseguite in assenza dei prescritti titoli abilitativi: sotto sequestro un’area di circa 1500 mq

Delineata un'ulteriore area di circa 200 mq grazie a una tettoia con copertura in lamiera sorretta da dieci pilastrini in ferro.

Opere edili eseguite in assenza dei prescritti titoli abilitativi: sotto sequestro un’area di circa 1500 mq.

Napoli. Gli agenti dell’Unità Operative di Tutela Ambientale ed Antiabusivismo Edilizio, in via Nuova Toscanella, nell’ambito delle attività indirizzate al contrasto del fenomeno dell’abusivismo edilizio, hanno scoperto che, su di un’ area avente una superficie di circa 1500 mq, erano state eseguite operazioni di movimentazione di terreno, di sbancamento e spianamento, con espiantazione di alberi allo scopo di realizzare un’unità logistica destinata al parcheggio di veicoli. Era presenta nell’area, inoltre, una tettoia con copertura in lamiera che, sorretta da dieci pilastrini in ferro, andava a delineare un’ulteriore area di circa 200 mq.

area

E’ stata accertata anche la presenza di cumuli di rifiuti speciali accatastati in più punti, costituiti da inerti da demolizione misti a cemento e asfalto, pedane in legno e rifiuti derivanti da opere di cablaggio di cavi telefonici ed elettrici. Il terreno movimentato, in parte sversato nella cava, era misto a rifiuti di diversa tipologia e natura; si potevano riscontrare ad occhio nudo barattoli di solventi, parti in plastica e inerti da demolizione. Durante il controllo è stata rilevata anche la presenza di un grande serbatoio, oltre 20mila litri, colmo di carburante per il quale il trasgressore, tale C.D., 28 anni, napoletano, non è stato in grado di fornire alcun titolo autorizzativo. Gli agenti hanno proceduto al sequestro della porzione dell’area, dei rifiuti, della cisterna di carburante ed a deferire il proprietario alla Procura della Repubblica per i reati commessi.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

area

Nelle stesse ore, il personale della Unità Operativa di Tutela Ambientale è intervenuto in Via Bosco di Capodimonte per accertare uno sversamento abusivo di rifiuti. Gli Agenti hanno rinvenuto un ingente quantitativo di rifiuti speciali abbandonati al suolo, palesemente il risultato di lavori edili. L’intervento degli Agenti ha consentito di sorprendere ancora sul posto l’autore dell’illecito, F.S., 29 anni, residente a Napoli, al quale, oltre alla sanzione amministrativa, non essendo lo stesso in grado di esibire alcun contratto per lo smaltimento, venivano affidati in custodia i rifiuti, posti in sequestro, fino al corretto smaltimento a sue spese e secondo le indicazioni che fornirà l’Autorità Giudiziaria.

area

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×