fbpx

Pozzo senza concessione e materiale tossico in locale non idoneo, sanzioni della Forestale in provincia di Livorno

Mai come in questa fase è indispensabile un’attività costante di monitoraggio del territorio rurale e boscato

Pozzo senza concessione e materiale tossico in locale non idoneo, sanzioni della Forestale in provincia di Livorno.

Prosegue senza sosta l’impegno della componente forestale dell’Arma dei Carabinieri sui vari fronti tesi alla tutela e salvaguardia dell’ambiente. Mai come in questa fase è indispensabile un’attività costante di monitoraggio del territorio rurale e boscato, perseguendo in modo puntuale ogni condotta che disattende il panorama normativo di settore.

Al riguardo, i Carabinieri Forestali della Stazione di Cecina hanno accertato che, nel comune di Castagneto Carducci, nei vigneti di una società agricola, era stato realizzato, in modo irregolare, un pozzo privo di concessione demaniale.

Al legale rappresentante della società, residente nel milanese, è stata elevata una sanzione amministrativa il cui importo sarà stabilito dalla Regione Toscana, quale autorità amministrativa competente.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Negli ultimi giorni e nell’ambito dei controlli inerenti la corretta gestione e detenzione dei prodotti fitosanitari, in località Cafaggio, del comune di Campiglia Marittima, i Carabinieri Forestali di Venturina, impegnati in attività di controlli di settore, hanno accertato che un uomo custodiva un prodotto fitosanitario, classificato come “tossico o nocivo”, in un locale non idoneo a salvaguardarne la sicurezza. Pertanto, a suo carico, è stata elevata una sanzione amministrativa ammontante a 258 euro.

forestale

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×