LaCittàIntorno: l’arte come mezzo per rigenerare il quartiere Adriano

569

Milano 16 ottobre 2017 – Ha preso il via ufficialmente domenica 14 ottobre “Lacittàintorno”, un programma triennale di rigenerazione urbana, promosso dalla Fondazione Cariplo con ben 10 milioni di euro di investimento complessivo e la promessa di favorire il benessere e la qualità della vita nelle città, in particolare nelle aree periferiche. Una sfida ambiziosa, che prende il via in due quartieri “pilota”: il quartiere Adriano/Via Padova e Corvetto/Chiaravalle rispettivamente nelle aree nord-est e sud-est della città di Milano.

È in queste zone, accanto alle criticità delle periferie si sviluppa un ricco tessuto di associazioni, cooperative sociali e gruppi informali, che il progetto in questione vuole coinvolgere per ampliare le opportunità, promuovere il protagonismo delle comunità nello sviluppo delle aree e “accendere le luci” con nuovi progetti artistici e di aggregazione, iniziative culturali e di dibattito al fine di renderle attrattive nel contesto cittadino.

“Dobbiamo partire dalle periferie. Per questo Fondazione Cariplo, grazie anche alla collaborazione con il Comune di Milano, è pronta con un grande progetto da 10 milioni di euro che punta sulle zone limitrofe per ritrovare l’identità della città a partire da attività legate alla cultura” – dichiara il residente di Fondazione Cariplo Giuseppe Guzzetti – “La cultura è in grado di rigenerare le periferie, con importanti ricadute positive sulla coesione sociale. Le periferie hanno un grande potenziale inespresso che confidiamo di riuscire a fare emergere con Lacittàintorno. Ricostruire le periferie non vuol dire dedicarsi solo ai muri delle case o degli immobili, vuol dire soprattutto ricucire le relazioni. La parola d’ordine è Comunità”.

Il programma si basa sulla collaborazione tra istituzioni, università, scuole, attori del privato sociale e dell’associazionismo locale, operatori economici e cittadini. Partner strategico in questa prima fase il Comune di Milano, con cui è stato siglato un accordo di collaborazione per promuovere lo sviluppo di alcune aree cittadine sperimentando azioni improntate all’inclusione sociale e alla sostenibilità. Il Politecnico di Milano ha dato un apporto fondamentale tramite lo sviluppo di un percorso di ricerca territoriale interattiva, che coinvolge cioè le stesse comunità fornendo quadri conoscitivi e strategici relativi ai contesti di intervento.

Il fulcro del programma sono i cosiddetti “Community Food Hub”, ovvero dei centri polifunzionali in cui il tema universale del cibo verrà declinato in un’offerta di laboratori, corsi, conferenze e momenti ricreativi, dove le persone potranno incontrarsi, fruire di servizi e partecipare ad attività culturali, aggregative, formative, orientate al lavoro e alla cittadinanza attiva. Il concetto di Community Food Hub è stato messo a punto grazie alla collaborazione con Fondazione Housing Sociale.

Nel quartiere Adriano il luogo individuato per ospitare il Community Food Hub l’ex asilo nido di Largo Bigatti. Proprio in questo luogo sabato 14 ottobre, dalle 12 fino a mezzanotte, si è svolto l’evento “La festa di Adriano – Rompiamo le righe!”, una grande festa popolare organizzata con l’Associazione Non Riservato per inaugurare il programma Lacittàintorno con installazioni, street art, orti urbani, giocolerai, musica, street food e tanto altro. Ad inaugurare l’evento il Sindaco Giuseppe Sala.

Articolo di Settimio Martire

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...