Controllare le gomme: quando e perché

Se stiamo per partire per le vacanze, ecco che abbiamo sicuramente molti grattacapi: infiniti elenchi di cose da non dimenticare, applicazioni scaricate per aiutarci a ricordare tutto, mappe stradali qualora la connessione interneto dovesse venire a mancare, strumenti per il primo soccorso perché non si sa mai, un rapido check della macchina, magari per controllare se l’aria condizionata ancora funziona o se non sarebbe il caso di ricaricarne il sistema e… un attimo, la macchina! I controlli dell’auto devono essere minuziosi, perché dal suo benessere dipende il nostro e la riuscita di una vacanza che, qualora la prevedesse come mezzo di spostamento principe, potrebbe anche riservarci sorprese non molto piacevoli. Certo, la sacra triade candele-olio-filtro non può mancare, ma non è certo la nostra unica preoccupazione: in che stato sono le nostre gomme? Montiamo il top di gamma, ovvero le uniche che possono consentirci di arrivare senza preoccupazioni alla tanto agognata meta? Nelle prossime righe abbiamo pensato di darvi qualche utile consiglio per quanto riguarda il controllo dello stato dei nostri pneumatici. Continuate a leggere!

CONTROLLARE I PNEUMATICI DELLA NOSTRA AUTO: UNA ROUTINE NECESSARIA

Magari siamo davvero molto fiscali con l’appuntamento dal gommista per fare la solita operazione di cambio gomme tra una stagione e l’altra, ma siamo consapevoli dello stato dei nostri pneumatici? Controllare che i battistrada non abbiano segni lisci potrebbe salvarci da spiacevoli incidenti, quando non decisamente pericolosi. Sì, perché delle gomme senza la giusta aderenza potrebbero metterci in serio pericolo, anche qualora i chilometri che dobbiamo percorrere non fossero così tanti.

Inoltre, montiamo gomme delle migliori marche? Michelin, ad esempio, è sempre una buona risposta alle necessità che ogni percorso ci richiede, perché è sinonimo di sicurezza e di alta affidabilità. Se i più grandi piloti del mondo si affidano a certi marchi, ci sarà pure una motivazione valida, giusto?

Non pensiamo, erroneamente, che la nostra sicurezza non dipenda in grande valore anche dalle gomme che montiamo, perché commetteremmo un errore che potrebbe causarci infiniti problemi: pensiamo all’aderenza, soprattutto in certe occasioni.

Per esempio: siamo per strada e vediamo delle plumbee nuvole addensarsi all’orizzonte, un temporale è dietro l’angolo e le prime gocce di pioggia sul manto stradale sono davvero infide; sapete che i detriti presenti sull’asfalto, a causa delle prime gocce d’acqua, creano una poltiglia che potrebbe rivelarsi fatale se non montiamo gomme dalle prestazioni più che efficienti? Qualora avessimo il dubbio, quindi, cerchiamo di regolare la velocità il più possibile, onde evitare di perdere il controllo della vettura proprio a causa di questo strato di sabbia imbevuto di pioggia.
Ovviamente, un controllo dal gommista e un eventuale cambio gomme qualora si rivelassero troppo lisce, sarà d’obbligo.

Un momento importante per compiere questa operazione potrebbe certamente essere il biennale cambio gomme, quello che facciamo per togliere il treno estivo e mettere quello invernale e viceversa: in quell’occasione chiediamo al nostro gommista di fiducia di fare un rapido controllo del loro stato e, in caso non rispettassero gli standard per girare su strada, ecco che potremo avere l’occasione buona per una veloce sostituzione.

Commenti
Loading...