fbpx

Aumentare il punteggio ATA: come si può fare?

Aumentare il punteggio ATA: come si può fare?

 

Per aumentare il punteggio ATA il candidato dovrà presentare il titolo di studio idoneo per rivestire la mansione richiesta. Ciò serve per le graduatorie scolastiche in ottica di ricerca del personale ausiliario, amministrativo e tecnico. Oltre a ciò, la salita in graduatoria può verificarsi attraverso dei corsi per aumentare punteggio ATA, i quali sono studiati appunto per aderire alle mansioni richieste.

 

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Andando a ricapitolare, quindi, di primo acchito servirà il titolo di studio idoneo, e in secondo luogo sarà utile aver frequentato uno o più corsi riferiti al ruolo, i quali possono decisamente e in maniera piuttosto netta favorire la scalata di posizione nelle classifiche e negli elenchi di graduatoria ATA. Per corso si intendono tutti quei percorsi formativi riconosciuti dal Ministero dell’Istruzione e del Merito, conosciuto con l’acronimo di MIUR. 

 

Per ottenere il risultato desiderato, non è necessario frequentare un corso in presenza poiché sono disponibili gli stessi percorsi formativi anche online. In particolare, il sito di corsi online Alteredu, presenta una serie di offerte utili ad aumentare il punteggio ATA, in base alle diverse figure lavorative ricercate. In questo modo, il candidato non dovrà sottrarre del tempo al lavoro attuale per frequentare un corso in presenza, vieppiù utilizzare il tempo libero a disposizione per certificarsi e ottenere un riconoscimento professionalizzante.

Una panoramica generale sul punteggio ATA

 

Perché le persone negli ultimi anni abbandonano il proprio posto di lavoro per trovare un impiego che aderisca meglio alle loro aspettative di carriera? Forse, nel mondo odierno il lavoro viene visto in maniera differente. Non si tratta più di guadagnarsi la pagnotta bensì trovare un ambiente in cui non si debbano più sopportare stress e nocive relazioni interpersonali.  

 

Negli ambienti scolastici, si ritorna tutti un po’ bambini, poiché si rivivono i momenti più piacevoli della nostra esistenza. Infatti, sono in crescita le persone che desiderano trovare un lavoro all’interno dei vari istituti scolastici. A pari passo, però, è cresciuta anche la richiesta di competenze. Pertanto, chi desidera affacciarsi in questo settore deve avere la professionalità adeguata.

 

In primo luogo, a determinare la direzione di scelta è il possesso del titolo di studio equivalente, il quale varia in base alla mansione amministrativa, tecnica o ausiliaria. Questo è il primo tassello che vale come soglia di accesso alla graduatoria ATA. Il punteggio ottenuto agli esami finali del diploma determinerà una salita o la discesa in classifica.

 

Per aumentare il punteggio ATA c’è poi un’altra soluzione: ovvero frequentare dei percorsi formativi aderenti alla posizione, i quali vanno ad ampliare le competenze e conoscenze personali del candidato. Accanto a ogni corso verrà assegnato un punteggio. Ma, come abbiamo già anticipato, il corso deve essere riconosciuto ufficialmente dal Ministero dell’Istruzione e del Merito. Sebbene talvolta, ciò non sia sufficiente, in quanto il corso deve essere istituito da un ente pubblico e finalizzato a far salire i partecipanti di graduatoria negli elenchi ATA. Si tratta comunque di eventualità, mentre il più delle volte basta seguire un corso riconosciuto e ventilato sotto forma online o in presenza.

Suggerimenti per aumentare il punteggio ATA

 

Dove si trovano le graduatorie ATA? Gli elenchi vengono realizzati tramite i concorsi pubblici, i quali vengono aggiornati, in forma di bandi, a cadenza periodica. Per esempio, come assistente amministrativo serve la laurea, con la quale si assegna un punteggio di due punti complessivi, e si possono aggiungere diversi corsi professionalizzanti di tipo informatico, tecnico e gestionale. 

 

In qualità di assistente infermiere, cuoco o tecnico, servirà la laurea e in aggiunta agli altri percorsi formativi aderenti alla posizione. Ovvero, l’assistente tecnico dovrà ampliare le sue conoscenze informatiche e digitali, mentre le altre figure dovranno scegliere degli studi in linea con le loro competenze. 

 

Si dovrà poi prestare attenzione alla regione di appartenenza poiché le variabili di attestazioni punti possono differire. Inoltre, variano anche le formazioni richieste, sia in base agli istituti scolastici, sia in base agli aggiornamenti. Infatti, un corso seguito anni addietro potrebbe non avere più alcun valore ai fini di aumentare il punteggio ATA del candidato.

Per questo motivo, possiamo seguire l’andamento dei corsi a disposizione sul sito di Alteredu, il quale è in costante aggiornamento poiché segue l’andamento di richieste promosse dal Ministero dell’Istruzione e del Merito. Se si vuole seguire il proprio livello in graduatoria, invece, basterà affidarsi al sito del Ministero, così poter decidere la strategia più utile per aumentare la propria posizione in classifica.

Aumentare il punteggio ATA: come si può fare?

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×