Verona, la città veneta aderisce alla rete RE.A.DY

7 ottobre

Verona, la città veneta aderisce alla rete RE.A.DY.

E’ stata approvata dal Consiglio comunale di Verona, con 21 voti favorevoli e 4 contrari, la delibera che definisce l’ingresso del Comune scaligero nella Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere, con la sottoscrizione della Carta d’Intenti che specifica le attività che la Rete propone di mettere in campo.

 

RE.A.DY. Nasce a Torino il 15 giugno 2006, nell’ambito del Pride nazionale, quando la Città di Torino, in collaborazione con il Comune di Roma, riunisce rappresentanti istituzionali di dodici Pubbliche Amministrazioni, tra Regioni ed Enti Locali da tutta Italia, con l’obiettivo di metterli in rete attraverso la condivisione di una Carta di Intenti, il documento costitutivo che ne definisce finalità, compiti, organizzazione e impegni. Ad oggi vi aderiscono tutti i comuni capoluogo attorno a Verona: Vicenza, Padova, Rovigo, Mantova, Brescia e Trento. Tutte le grandi città del Paese: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Genova, Bologna, Firenze e Bari. Ma anche Regioni come Toscana, Piemonte, Marche e Emilia Romagna. In tutto vi aderiscono circa 230 tra amministrazioni e enti locali.

 

La Rete Re.A.Dy punta a individuare, mettere a confronto e diffondere politiche di inclusione sociale per le persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e transgender realizzate dalle Pubbliche amministrazioni a livello locale. Ancora, contribuire alla diffusione di buone prassi su tutto il territorio nazionale mettendo in rete e supportando le Pubbliche amministrazioni nella realizzazione di attività rivolte alla promozione e al riconoscimento dei diritti delle persone LGBTQIA+.

A Verona sono stati 1.678 i casi seguiti dal Sat Pink – Servizio Accoglienza Trans negli ultimi 10 anni, tra supporto psicologico, inserimento lavorativo e supporto per casi di violenza e discriminazione. Sono 421 tra rifugiati e richiedenti asilo supportati dallo sportello Pink Refugees, nato nel febbraio 2017 all’interno del Circolo Pink di Verona. Ancora, sono 259 le chiamate ricevute dal Telefono Amico nel solo 2022 ricevute da Pianeta Milk Verona LGBT* Center.

Guardando ai dati nazionali possiamo vedere nel report del 2021 della Gay help line, in collaborazione con l’UNAR  sono stati registrati circa 20.000 contatti di richiesta di aiuto da parte di persone della comunità LGBTQIA+ (50 contatti al giorno). Nel report si evidenzia come ci sia un rialzo delle discriminazioni rispetto all’anno precedente sia in ambito familiare, sociale che lavorativo (il 150% di richieste in più, tornando ai livelli pre pandemici). Il 15% delle denunce riguardano mobbing, stalking e revenge porn sul posto di lavoro, a cui risultano più esposte le persone trans, il 19% denuncia aggressioni e minacce, il 15% denuncia bullismo e atti discriminatori, il 42% denuncia violenze e maltrattamenti in famiglia, soprattutto dai 13 ai 29 anni. Il dato forse più allarmante è quello che riguarda l’età delle persone che contattano il centro: il 40% ha meno di 35 anni.

 

Verona, la città veneta aderisce alla rete RE.A.DY

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...