Modena, musica e parole tornano finalmente ovunque

Riprendono i concerti dopo lo stop causato dalla pandemia grazie anche alle associazioni del territorio; vitalità e vivacità tornano ad essere pilastri per la città di Modena

Modena, musica e parole tornano finalmente ovunque

 

Dopo due anni di restrizioni legate alla pandemia, la musica torna al centro della programmazione della Tenda, in particolar modo si concentra sui concerti dal vivo. La stagione autunnale della struttura (di viale Monte Kosica) è ben delineata e carica di varietà, anche grazie alla partecipazione da parte del Comune di Modena. 

La stagione autunnale delle Tenda sarà ricca di attività culturali e ricreative dedicate ai giovani, grazie alle quali si riaffermerà come spazio di aggregazione e sviluppo della creatività cittadina, oltre che come punto di riferimento per appuntamenti artistici live di carattere nazionale ed internazionale.

Ampio spazio è stato dedicato anche alla “parola” che, come ben si sa, fa da filo conduttore tra una serie di eventi che spaziano dai reading musicati alla poesia (negli incontri di “slam poetry”), dalla letteratura ai dibattiti legati alle proiezioni cinematografiche, fino alla drammaturgia degli spettacoli teatrali.

Il programma dei primi tre mesi della nuova stagione della Tenda è stato presentato lunedì 10 Ottobre in una conferenza stampa con l’assessore alla Cultura e alle Politiche giovanili Andrea Bortolamasi e Fulvio Romiti, presidente dell’associazione Intendiamoci che gestisce la struttura.

L’assessore Bortolamasi sottolinea la difficoltà del racchiudere in poche parole un programma ricco di iniziative culturali che spaziano dalla musica alla poesia, dai ai libri alla danza.

Entrando nel dettaglio della stagione i concerti rock, promossi da Intendiamoci, riporteranno sul palco la musica dopo la “pausa” legata all’emergenza sanitaria. Oltre al filone dei concerti, l’associazione ripropone una nuova edizione di “Cantautori su Marte”, format tra parole e musica dove verranno ospitati nomi prestigiosi del panorama nazionale.

Protagonista della programmazione musicale è pure l’associazione Muse, che presenta alla Tenda la decima edizione dell’evento jazz “Arts & Jam”, nonché il concerto di restituzione di “Modena MoltiMondi”.

La struttura di viale Monte Kosica continua a dedicare anche una parte significativa alla parola con un programma ricco di molteplici sfaccettature. In particolare, come ogni anno, “L’Asino che vola” propone una serie di incontri letterari incentrati sui grandi temi della legalità e della lotta alla mafia. 

Non mancheranno nemmeno attività in cui danza e arti performative si incontrano influenzandosi a vicenda.

Rosa Bianca presenterà gli incontri sul cinema legati alle tematiche di disagio mentale “Follia e Dintorni” ed il Collettivo SquiLibri porterà sul palco una rassegna di autori emiliano-romagnoli, tra cui Antonio Delfini.

Modena, musica e parole tornano finalmente ovunque

 

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...