Modena, il Parco della Terramara apre la stagione autunnale

Ultimati gli interventi di manutenzione straordinaria

Modena, il Parco della Terramara apre la stagione autunnale

 

Domenica 11 settembre riapre al pubblico per la stagione autunnale il Parco archeologico della Terramara di Montale che si ripresenta ai visitatori con un “nuovo” portale di legno all’ingresso monumentale e una nuova palizzata di confine. Nell’estate, infatti, sono stati ultimati gli interventi di manutenzione straordinaria avviati a primavera nel corso dei quali sono stati messi in sicurezza, con riparazioni e rinforzi statici, il portale e la palizzata all’aperto. Sono stati rifatti, inoltre, gli impianti antincendio e rinnovati gli impianti d’allarme antintrusione e videosorveglianza.

Nella prima giornata della riapertura autunnale, i visitatori saranno guidati a toccare, letteralmente, con mano gli intonaci delle due case del parco ripristinati grazie al workshop che si svolge da venerdì 9 a domenica 11 settembre guidato dagli architetti di Terraepaglia, specializzati in bioedilizia e già intervenuti sul parco nel 2019.

La visita guidata “Costruire senza mattoni” sarà l’occasione per presentare al pubblico la fase conclusiva del progetto, che risponde alla necessità di intervenire per ripristinare gli intonaci deteriorati, mostrando una pratica di costruzione con terra cruda e materiali vegetali che nel mondo delle terramare era dettata dalle risorse disponibili e dalle conoscenze di una comunità esperta di piccole e grandi opere, e oggi è sempre più una scelta legata al benessere dell’ambiente e delle persone.

La presentazione è accompagnata, come sempre, da un laboratorio per bambini che potranno sporcarsi le mani con rami, canne, frasche e argilla per costruire pareti resistenti.

Gli appuntamenti proseguono nelle domeniche e nei giorni festivi fino all’1 novembre, con dimostrazioni di archeologia sperimentale e dimostrazioni di antiche tecniche di lavorazione a corredo delle visite, che sono sempre guidate da uno staff di esperti in discipline archeologiche: il 18 settembre, avvicinandoci all’equinozio, l’attenzione punterà sui “Culti e simboli solari nell’Europa dell’età del bronzo”.

Domenica 25 settembre sarà presentata l’Arte del vasaio con ingresso gratuito in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio.

Ingresso gratuito anche la prima domenica di ottobre per gli esperimenti di fusione e le dimostrazioni di lavorazione di armi, utensili e ornamenti in bronzo a cura de Il Tre di spade. A ottobre un appuntamento speciale inedito, domenica 23 ottobre, con “Un filo di storia”, con il docente di Preistoria e Protostoria Andrea Cardarelli che ha curato la progettazione scientifica del Parco, e dimostrazioni di filatura.

Laboratori per ragazzi (consigliati 6-11 anni) vengono di volta in volta organizzati in collegamento con il tema della giornata: dalla sperimentazione di materiali magici come l’ambra (9 ottobre) alla scoperta di frutti quasi dimenticati (16 ottobre), dal laboratorio di scavo di una terramara (30 ottobre) a quello di una necropoli con scheletri e ceneri (1 novembre).

  • Il Parco è aperto dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 18.30 (ultimi ingressi alle 11.45 e alle 17.30).
  • Le visite sono guidate, con partenza ogni 45 minuti dalle 9.30.
  • Domenica 5 giugno, come ogni prima domenica del mese, l’ingresso è gratuito.

Per informazioni e prenotazioni: 335 8136948 (dalle 9 alle 13, dal lunedì al venerdì); 059 532020 (negli orari di apertura del Parco); mail: [email protected] (assicurandosi di ricevere conferma per le prenotazioni); app ioPrenoto.

Per info VISITA IL SITO DEL PARCO.

Modena, il Parco della Terramara apre la stagione autunnale

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...