fbpx

Milano: una giornata in cascina per raccontare la cooperazione

COOPI-Cooperazione internazionale apre al pubblico la sua storica cascina milanese.

Milano: una giornata in cascina per raccontare la cooperazione.

Milano, COOPI – Cooperazione internazionale apre al pubblico la sua storica sede milanese per una giornata di attività e incontri aperti alla popolazione: sabato 30 settembre adulti e bambini sono invitati nella cascina Boldinasco di Milano, in occasione della Milano Green Week, per l’iniziativa “COOPI Cascina Aperta”. L’appuntamento, alla sua ottava edizione, è in via De Lemene 50, in zona Certosa Gallarate.

Al centro del programma della giornata le attività dell’organizzazione non governativa, fondata nel 1965 da padre Vincenzo Barbieri e da allora impegnata a sostenere chi vive in povertà e contesti d’emergenza. Gli appuntamenti prenderanno il via alle 17 con un mercatino solidale nel cortile della cascina, mentre alle 17,30 sono in programma laboratori per bambine e bambini. Ad accompagnare le attività, l’esposizione della mostra fotograficaPopoli del Lago Ciad” del ciadiano Abdoulaye Barry, che con i suoi scatti racconta la crisi umanitaria nella regione africana tra Niger, Camerun e Ciad, al centro di numerose iniziative di COOPI.

Dalle 18, dopo i saluti del presidente di COOPI Claudio Ceravolo e della presidente del Municipio 8 di Milano Giulia Pelucchi, verrà presentato il Bilancio Sociale 2022 dell’organizzazione con Ennio Miccoli, direttore generale di COOPI, e Antonella Tagliabue, giornalista e vicepresidente di COOPI. Alle 19, il focus sarà sull’Italia con l’approfondimento “Il progetto di contrasto alla povertà a Milano”, con Federico Pirola, referente progetto COOPI.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Alle 20 verrà messo in scena “Il coraggio di cambiare il mondo. Storia di padre Barbieri”, spettacolo di e con Manuel Ferreira, attore e fondatore della Compagnia Alma Rosè. Subito dopo, alle 21, è in programma una cena a buffet accompagnata da musica dal vivo (per “Cena e Musica sotto le stelle” è necessaria la prenotazione; la donazione minima è 15€ per gli adulti, 5€ per i bambini fino agli 11 anni; i fondi raccolti saranno destinati alla distribuzione di cibo alle famiglie in difficoltà di Milano).

Coopi Cascina Aperta

IL PROGRAMMA:
Dalle ore 17 Mercatino Solidale
Ore 17.30-19.30 Laboratorio per bambini
Ore 18 Saluti istituzionali con: Claudio Ceravolo, presidente di COOPI; Giulia Pelucchi, presidente del Municipio 8
Ore 18.30 Un anno di solidarietà: il Bilancio Sociale 2022 di COOPI, con Ennio Miccoli, direttore generale di COOPI; Antonella Tagliabue, giornalista e vicepresidente di COOPI.
Ore 19 “Il progetto di contrasto alla povertà a Milano”, approfondimento con Federico Pirola, operatore progetto COOPI.
Ore 20 “Il coraggio di cambiare il mondo. Storia di padre Barbieri”, spettacolo di e con Manuel Ferreira, attore e fondatore della Compagnia Alma Rosè.
Ore 21 Cena e musica sotto le stelle: buffet e intrattenimento musicale dal vivo (i posti sono limitati, è necessaria la prenotazione; la donazione minima per partecipare alla cena è 15 € per gli adulti, 5€ per i bambini fino agli 11 anni).

Mostra fotografica: “Popoli del Lago Ciad” di Abdoulaye Barry. Un viaggio fotografico tra le popolazioni in fuga da Boko Haram nell’area di confine tra Ciad, Niger e Nigeria; uno sguardo interno verso una delle più gravi crisi umanitarie in Africa, dove la vita va avanti nonostante tutto, grazie anche ai progetti di COOPI.

INFORMAZIONI:

Per informazioni e prenotazioni cena: cascina.aperta@coopi.org | 02 3085057

Per il posto auto, è disponibile la convenzione con il parcheggio del Centro Pavesi (via de Lemene)
a 3€ per la giornata.
I fondi raccolti durante la serata saranno destinati all’attività di distribuzione cibo alle famiglie in
difficoltà di Milano.
In caso di maltempo l’appuntamento sarà posticipato a sabato 7 ottobre.

COOPI – Cooperazione Internazionale: è una organizzazione umanitaria italiana fondata nel 1965. In quasi 60 anni, ha realizzato 2.771 progetti in 73 Paesi del mondo, sostenendo più di 120 milioni di persone e impiegando 5mila operatori espatriati e 67mila operatori locali. Oggi COOPI è presente in 33 nazioni di Africa, Medioriente, America Latina e Caraibi, nonché in Italia, con 252 progetti umanitari che raggiungono quasi 7 milioni di persone. L’organizzazione lavora per rompere il ciclo delle povertà e accompagnare verso la ripresa e lo sviluppo duraturo e sostenibile le popolazioni colpite da guerre, crisi socioeconomiche e disastri naturali (www.coopi.org).

 

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×