fbpx
CAMBIA LINGUA

Milano, il progetto ALMA giunge al suo secondo appuntamento: la casa circondariale di Opera accoglie le opere di Enrico Baj

Per il secondo appuntamento le parole chiave sono “libertà” e “immaginazione”: quest’ultima perché l’unico luogo a cui non si possono porre delle barriere.

Milano, il progetto ALMA giunge al suo secondo appuntamento: la casa circondariale di Opera accoglie le opere di Enrico Baj.

 

È arrivata alla Casa di Reclusione di Opera, l’iniziativa ALMA – Arte Libera Musei Aperti.

La tappa del Carcere di Opera vede protagonista l’arte di Enrico Baj, con opere disponibili alla visione di tutta la popolazione carceraria, ma anche degli ospiti.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

“Siamo alla seconda tappa di ALMA. Abbiamo deciso di portare due quadri di Enrico Baj che saranno fruibili per tutto il prossimo mese sia dalla popolazione carceraria sia dalle famiglie. Infatti, un quadro sarà ospitato nella Galleria delle Opportunità, l’altro quadro sarà nella sala dei colloqui, ovvero dove le famiglie stazionano in attesa dei colloqui – dice Andrea Vento, portavoce del progetto Alma e Presidente dell’Associazione Culturale Corte Sconta Ringraziamo la Fondazione di Comunità che ci ha permesso di realizzare questo che definirei un sogno, perchè effettivamente si tratta della tappa dedicata a “libertà e immaginazione” e credo che questo sia un luogo dove debba avere spazio l’immaginazione”.

Milano, il progetto ALMA giunge al suo secondo appuntamento: la casa circondariale di Opera accoglie le opere di Enrico Baj.

 

Nelle parole dell’Architetto Maddalena D’Alfonso, ideatrice del progetto ALMA, il significato di questo evento: “Noi possiamo in realtà, con l’immaginazione, costruire dei mondi, raccontare delle storie, ritrovare dei pezzi di noi stessi, dei legami con la nostra civiltà e la nostra società. ALMA – Arte Libera Musei Aperti, vuole proprio portare l’arte in luoghi dove ci sono dei pubblici distanti dalla società e dalla vita civile. Ovviamente attraverso l’arte si riesce a sensibilizzare, anche aprire dei canali di contatto che normalmente sono difficili. Grazie alla complicità della famiglia Baj, di Roberta Sciarina Baj che ci ha prestato le due opere, che si intitolano una “Metamorfosi” e l’altra “Progne abbandonata da Tereo si converte al culto di Visnù”, abbiamo potuto portare il racconto di un mondo di sogno, dove si incontrano persone lontane”

Milano, il progetto ALMA giunge al suo secondo appuntamento: la casa circondariale di Opera accoglie le opere di Enrico Baj.

 

Tutta l’iniziativa ALMA, gode del patrocinio di ICAMT – International Cometee of Architecture and Museum Technics, per il quale è intervenuta la Chair, Dr.a Danusa Castro: ”Noi crediamo  che questi siano momenti in cui l’arte debba essere fruibile al 100%. Quindi ecco perchè ICAMT ha deciso di patrocinare questo progetto, che speriamo vada avanti anche in altre situazioni, in altri momenti dell’anno, per portare l’arte che ha un potere curativo enorme a persone e situazioni in cui questo è assolutamente precluso e impossibile.

Abbiamo avuto modo di toccare con mano, con la pandemia, quanto sia difficile stare isolati e quanto sia poi rincuorante poter avere a che fare con l’arte; quindi, crediamo che questo sia un progetto importantissimo che dà la possibilità di rendere l’arte inclusiva nel miglior modo”.

 

Il progetto ALMA:

Lo scopo del progetto dell’Associazione Culturale Corte Sconta, realizzato con il contributo di Fondazione di Comunità Milano è rendere accessibili le opere d’arte, dopo i limiti imposti dalla pandemia e da altre costrizioni, ma anche avvicinare all’interesse artistico individui esclusi da eventi pubblici per motivazioni sanitarie, fisico-psichiche o penali rendendoli partecipi dell’arte come via per la Libertà.

ALMA, da un lato vuole rivalutare luoghi costretti ai margini della vita sociale, dall’altro riportare alla vita pubblica importanti e significative opere, altrimenti riservate a pochi o dimenticate in depositi.
Riduzione delle disuguaglianze, parità di genere, accessibilità e sostenibilità sociale, sono le parole chiave che guidano il progetto per creare la consuetudine alla diffusione dell’arte e all’avvicinamento ai pubblici fragili.

Le prossime tappe saranno l’RSA Golgi Redaelli, l’Associazione Olinda presso l’ex ospedale psichiatrico Paolo Pini e vedranno l’esposizione e la condivisione partecipata di altre opere di famosi artisti, opere d’arte provenienti da collezioni private, tutte espressione e veicolo di declinazione del concetto di LIBERTA’, così importante da recuperare e rivivere. L’iniziativa si concluderà in autunno, con la riunione di tutte le opere esposte alla Fabbrica del Vapore, presso la sede di Corte Sconta, per raccogliere i risultati del progetto.

Libertà e immaginazione, libertà e memoria, libertà e comunicazione, libertà e viaggio i temi espressi e affrontati.
A seguito di ogni evento si terrà un Talk in presenza o digitale animato da personalità dell’arte, della cultura e dell’iniziativa sociale. Ogni opera verrà digitalizzata e monitorata con le più avanzate tecniche oggi a disposizione.
Il Progetto gode del patrocinio di ICAMT International Committee for Architecture and Museum Techniques -ICOM International Council of Museum.

Un progetto di Associazione Corte Sconta con il contributo di Fondazione di Comunità Milano.

Fondazione di Comunità Milano (fondazionecomunitamilano.org) sostiene e promuove interventi di utilità sociale per rispondere ai bisogni di oltre 2 milioni di cittadine e cittadini di Milano e di 56 Comuni delle aree Sud Ovest, Sud Est, Adda Martesana della Città Metropolitana. Nata nel 2018, contribuisce allo sviluppo del territorio a partire dall’ascolto e dal dialogo con istituzioni, organizzazioni del Terzo Settore, associazioni e cittadinanza. Fondazione di Comunità Milano fa parte del network di 16 Fondazioni territoriali, che operano in tutte le province della Lombardia e nelle province di Novara e Verbania-Cusio-Ossola, costituite da Fondazione Cariplo.

 

Si ringraziano:

  • Associazione Corte Sconta
  • Fondazione di Comunità Milano
  • Massimo Ciaccio – BIG
  • Maurizio e Danilo Rea e Aerariumchain
  • Cav. Alessandro Goppion – Goppion S.p.A.
  • Md’A Design Agency – Maddalena D’Alfonso
  • Milano Painting Academy/Fondazione Maimeri
  • ICOM-ICAMT – International Commette of Architecture and Museum Techniques dell’Interational Council of Museum
  • InnovaMI – Laura Maesano

 

Milano, il progetto ALMA giunge al suo secondo appuntamento: la casa circondariale di Opera accoglie le opere di Enrico Baj

 

 

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×