Maria Amelia Monti in Miss Marple a teatro

200


«Non sono mai stata appassionata di gialli, ma devo ammettere che Agatha Cristie è pazzesca e anche Miss Marple». Maria Amelia Monti, nota attrice milanese che ora vive a Roma, si racconta in occasione della messa in scena per la prima volta in Europa di «Miss Marple, giochi di prestigio», commedia tratta dal racconto della signora del giallo sul palco del Teatro Manzoni di Monza dal 28 gennaio al 3 febbraio. Nella messa in scena di Giancarlo Sepe la Monti veste i panni di Miss Marple. «Un ruolo bellissimo, anche se lei era molto più anziana di me…prima di conoscerla e interpretarla non ero molto un’investigatrice ma pian piano lo sto diventando, in quanto a pettegola…beh quello c’è già». Il teatro per la Monti è la grande passione ma non si può evitare di citare le sue esperienze televisive: prima tra tutte la tv delle Ragazze e poi le fiction come quella molto amata con Gerry Scotti in cui interpretava la moglie di un dentista un po’ pasticciona e simpatica. «Tutti mi chiedono se tornerò a fare quella serie, ma non credo proprio. Il tv e il cinema mi piacciono, non lo nego, ma preferisco avere sempre testi e cose belle da fare…per ora c’è il teatro». In futuro cosa ci riserverà? «Miss Marple sta andando molto bene e sono felice che anche i giovani vengano a vederci, ma ora stiamo anche iniziando a pensare a una delle commedie di Edoardo De Filippo, qualcosa in cui il cinema entrerà a teatro….ma non posso dire di più ancora». Maria Amelia Monti, mamma felice di tre bambini di cui l’ultimo, Robel, è adottato, si dedica anche molto a questo tema «Continuiamo con “la lavatrice del cuore, lettere di genitori adottivi e figli adottati”, un testo che sta riscuotendo molto successo e ci fa davvero bene al cuore – ha detto – poi il resto è vita quotidiana con il bambino». E nella quotidianità Maria Amelia ha aggiunto un particolare: «Sono vicina di casa di Asia Argento, ma ci frequentiamo solo come mamme visto che i bimbi hanno età simili e spesso stanno insieme, insomma ci aiutiamo come fanno tutte le mamme…per il resto non la conosco benissimo». A questo punto è d’obbligo una domanda sul movimento Me Too che ha contagiato anche le attrici italiane. «Io personalmente non sono mai stata infestidita da nessuno e non ho mai subito soprusi, ma credo che sia stato positivo parlarne e tirare fuori il problema…ovvio che poi sono state lanciate anche accuse false rovinando la vita a parecchie persone, come è accaduto con Brizzi. Bisogna sempre valutare la portata delle denunce…».


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 

Commenti
Loading...