fbpx
CAMBIA LINGUA

La Spezia: Museo Lia torna con l’iniziativa “Un drink al museo”

Prossimo appuntamento giovedì 4 maggio alle ore 18

La Spezia: Museo Lia torna con l’iniziativa “Un drink al museo”.

Il 4 maggio alle ore 18 si terrà la visita guidata dal titolo “Un brindisi a Bacco: il simbolismo di vino e di cibo nell’arte / A Toast to Bacchus: Wine and food symbolism in art” al cui termine sarà possibile fare una degustazione di vino di un viticoltore locale, Cantina CheO, che avrà luogo nel chiostro del Museo, la cui manutenzione è affidata al Garden Club della Spezia che seleziona e alterna fiori in sintonia e dialogo con le rappresentazioni floreali della Collezione Lia.

La Spezia: Museo Lia torna con l'iniziativa "Un drink al museo"

L’evento inizierà alle 18:00 e i biglietti saranno in vendita a 20 euro. Saranno inclusi nel prezzo l’entrata al museo, il tour in inglese e l’aperitivo nel giardino (o all’interno in caso di pioggia). Al termine del percorso gli ospiti potranno esplorare il Museo e i suoi tesori liberamente.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Il vino è generosamente sponsorizzato da Cantina CheO. Un bicchiere del loro vino sarà offerto ad ogni ospite dal proprietario del vinificio in persona, che potrà presentare il prodotto e rispondere ad eventuali domande. La produzione spazia su varie qualità di vini DOC, compreso il celebre passito locale Sciacchetra’.

La cantina si trova a Vernazza, non lontano dalla monorotaia usata storicamente per trasportare i grappoli d’uva attraverso il ripido vigneto distribuito in tipici campi “a terrazza”. Tutto il processo di vinificazione ha luogo a Vernazza, dalla pigiatura degli acini, alla fermentazione, maturazione e affinamento, fino all’imbottigliamento e etichettatura.

È necessaria la prenotazione al numero 0187.727220 o tramite mail all’indirizzo museolia.reception@comune.sp.it

Il prossimo appuntamento si terrà Giovedi, 1 Giugno, 18:00 con il seguente tema “Vita da Re: storie di potere e devozione nell’arte / Living Royal: Tales of power and devotion in art”.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×