fbpx
CAMBIA LINGUA

La Spezia: 8° Palio del Golfo, Blue Festival, GOSP e altre emozioni

Gli appuntamenti del 31 luglio 1 e 2 Agosto.

La Spezia: 8° Palio del Golfo, Blue Festival, GOSP e altre emozioni.

Saranno la musica e le emozioni che uniscono e che fanno riflettere gli elementi principali dei prossimi appuntamenti del Blue Festival. Si inizia oggi, 31 luglio, alle 21.30 quando sul Palco di Molo Italia salirà una rappresentanza della GOSP, Giovane Orchestra Spezzina: Dino Dinelli dirigerà la sezione fiati e percussioni che si esibirà per circa un’ora.

La GOSP si ispira al progetto sociale e musicale El Sistema, ideato dal venezuelano José Antonio Abreu, musicista ed economista che ha ricoperto anche il ruolo di Ministro della Cultura. Un’esperienza educativa nata negli anni ’70 è presa ad esempio in tutto il Mondo. Anche in Italia si è diffusa grazie a grandi musicisti come Claudio Abbado. Alla Spezia, la Giovane Orchestra Spezzina è formata da 90 bambini e adolescenti dai 5 ai 18 anni di tutto il territorio della provincia, seguiti dai servizi sociali, provenienti da case famiglia o che frequentano centri di aggregazione giovanile del territorio. Nata nel 2013 con il sostegno della Fondazione Carispezia in collaborazione con i Distretti socio-sanitari provinciali, l’Orchestra ha l’obiettivo di offrire ai bambini e ai ragazzi che vi partecipano la possibilità di un riscatto sociale, di essere protagonisti e creare un legame all’insegna dell’inclusione e della collaborazione. Suonare nella GOSP significa, infatti, fare parte di un gruppo ed essere comunità. I giovanissimi musicisti svolgono lezioni collettive dal lunedì al venerdì, presso l’Oratorio Don Bosco del Canaletto, l’Oratorio Don Bosco di via Roma alla Spezia, il Centro di Aggregazione Giovanile di Ortonovo e la Comunità Educativo Assistenziale “La Casa di Gulliver” a Borghetto Vara; due volte al mese, il sabato, si incontrano tutti insieme per le prove d’Orchestra alla Spezia. Due le ensemble: archi e fiati e percussioni composta da 28 elementi e saranno proprio loro a salire sul Palco.

Il programma di BLUE FESTIVAL della giornata del 1 agosto vedrà protagoniste “Le Signore del Palio”: è questo, infatti, il titolo del libro dedicato alle vogatrici che sarà presentato nel pomeriggio di martedì a partire dalle 19, sempre sul Palco posto all’inizio di Molo Italia. Il volume, realizzato da La Nazione in collaborazione con il Comitato delle Borgate, con il patrocinio del Comune della Spezia, darà l’occasione per un confronto tra il popolo del Palio e la città. Partecipano all’incontro Pierluigi Peracchini, Sindaco della Spezia, Massimo Gianello Presidente, Comitato delle Borgate, On. Maria Grazia Frijia, Vicesindaco Assessore al Palio del Golfo, Francesca Micheli, Vice Presidente del Comitato delle Borgate, Luigi Caroppo, Vicedirettore de La Nazione; moderano i giornalisti Roberta della Maggesa e Matteo Marcello. Saranno presenti i rappresentanti delle Borgate e i partner che sostengono il progetto: Fondazione Carispezia, Camera di commercio, Cna, Coop Liguria, Latte Tigullio e Audio Progress. Il volume sarà in distribuzione gratuita con La Nazione il 4 agosto.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

La sera di martedì prosegue con uno spettacolo che ci riporta al centro del tema del Festival, il mare. Sergio Muniz, attore, musicista, surfista, porta al Blue Festival 2023 il suo ultimo spettacolo, il recital “Tra le mie onde”. Da sempre il mare è un perno importante della produzione artistica dell’attore basco che, infatti, spesso ha portato in scena ed in musica i temi dell’ecologia e, in particolare, della salvaguardia degli oceani. “Tra le me onde” è una riduzione de “L’onda che verrà”, il recital che Sergio Muniz ha scritto con il regista Francesco Facciolli e che, nel 2021, è stato inserito dall’Unesco nel programma globale del Decennio delle Nazioni Unite delle Scienze del Mare per lo Sviluppo Sostenibile. Con Muniz faremo un viaggio tra musica e parole, che ci porterà, tra concerto e narrazione, alla scoperta del mare interiore. Quello dell’attore è peraltro un gradito ritorno nella nostra città: amico de Il Pianeta Azzurro, Muniz ha partecipato come ospite speciale alla tappa spezzina del tour 2022 di Ocean Film Festival Italia che prima volta ha fatto tappa alla Spezia.

Il programma di BLUE FESTIVAL di mercoledì 2 agosto porta in scena, alle 21, la scienza stessa che può e deve essere raccontata coinvolgendo le persone con una narrazione emozionale, anche quando a farla sono esperti e scienziati. Questo è possibile? È la domanda alla quale proveranno a rispondere i relatori del talk “Pianeta Azzurro” che si avvicenderanno sul Palco di Molo Italia con i racconti dei progetti realizzati da Triton research, la realtà che promuove e sviluppa ricerche volte a preservare gli habitat e le specie marine. Saranno presentati, inoltre, progetti di natura divulgativa con l’obiettivo di aumentare la consapevolezza e la conoscenza dell’ambiente marino.

Conosceremo, quindi, Raffaele Grandi, vicepresidente associazione Triton, Triton Research (titolo dell’intervento “Il progetto Life Amar-Natura2000 per la valorizzazione dei siti marini della Rete Natura 2000”); Francesco Tomasinelli, Triton Research (“Fermare l’estinzione. Il progetto europeo Life Pinna per salvare Pinna nobilis) e Paola Tepsich, Fondazione CIMA (“Life Conceptu Maris, un progetto di conservazione di cetacei e tartarughe nel Mare Mediterraneo”). Con loro anche Angelo Mojetta, biologo marino, collaboratore scientifico de “Il Pianeta Azzurro” e Marcello Di Francesco, fotografo subacqueo spezzino di cui è stata allestita una mostra durante le serate di Food Blue, gentilmente concessa da SEAFUTURE.

La serata di mercoledì proseguirà poi con una serie di proiezioni, la prima delle quali sarà “Una balena in una conchiglia”: il cortometraggio narrativo, didattico di Associazione Triton ETS, perfetto connubio tra scienza e arte, presentato alla 79esima Mostra del Cinema di Venezia, realizzato con la regia di Simone Vrech, con la voce narrante di Giancarlo Giannini e l’amichevole partecipazione di Umberto Pelizzari. Seguiranno poi i documentari di Sea Film Festival, quelli realizzati delle scuole spezzine e un contributo realizzato dal Palombari di COMSUBIN inerente un intervento archeologico subacqueo effettuato per conto della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio della Liguria.

Palombari di COMSUBIN, oltre a partecipare alla rassegna di docu-film, saranno presenti su Molo Italia, a partire alle 18, con uno stand realizzato dalla Marina Militare proprio per celebrare il 90° anniversario dall’istituzione del raggruppamento. Per la cittadinanza sarà un’occasione per conoscere i Palombari di COMSUBIN, osservare le loro apparecchiature subacquee e acquisire maggiori conoscenze sulle tante attività che svolgono.

La Spezia: 8° Palio del Golfo, Blue Festival, GOSP e altre emozioni

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×