fbpx
CAMBIA LINGUA

La Polizia di Stato insieme ai bambini ucraini, figli dei poliziotti deceduti nel conflitto bellico

All'iniziativa hanno partecipato 105 bambini.

La Polizia di Stato insieme ai bambini ucraini, figli dei poliziotti deceduti nel conflitto bellico

La mattina del 1 giugno a Roma presso il Centro Sportivo della Polizia di Stato di Tor di Quinto si è svolta un’iniziativa ricreativa in favore di 105 bambini ucraini, figli dei poliziotti deceduti nel conflitto bellico ancora in corso.

L’iniziativa, promossa in collaborazione con l’Ambasciata d’Ucraina in Italia e una organizzazione sindacale ucraina di quella Polizia Nazionale, è finalizzata a rafforzare la cooperazione della Polizia di Stato con le forze di Polizia estere e a condividere con i più piccoli un momento di spensieratezza, mostrando loro la vicinanza delle istituzioni italiane.

Durante la mattinata, dopo essere stati accolti dal Vice Direttore Generale per la sicurezza del MAECI Ministro Plenipotenziario Alessandro Pazzoni , dal Vice Ambasciatore d’Ucraina in Italia Oleksandr Kapustin e dalla Dottoressa Eufemia Esposito delle Relazioni Internazionali della Polizia di Stato, i piccoli ospiti hanno avuto l’opportunità di conoscere e partecipare ad attività operative della Polizia di Stato, insieme alle unità dei reparti cinofili nonché assistere a dimostrazioni da parte degli atleti del Gruppo Sportivo Fiamme Oro della Polizia di Stato della Sezione judo, lotta e karate.

Dopo aver ascoltato l’Inno d’Italia i ragazzi, con alcuni poliziotti ucraini che li hanno accompagnati, hanno cantato l’inno nazionale dell’Ucraina.

Nel pomeriggio sono stati accompagnati in un tour guidato nel centro storico di Roma.

La Polizia di Stato insieme ai bambini ucraini, figli dei poliziotti deceduti nel conflitto bellico

La Polizia di Stato insieme ai bambini ucraini, figli dei poliziotti deceduti nel conflitto bellico

La Polizia di Stato insieme ai bambini ucraini, figli dei poliziotti deceduti nel conflitto bellico

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Riproduzione riservata © Copyright La Milano