fbpx
CAMBIA LINGUA

Al Nuovo Diurno di Modena “IL FUNERAL TEATRO” DEI DUCHI D’ESTE

Sabato 17 giugno, alle 17, sarà possibile svolgere una visita guidata virtuale per immergersi nei dipinti della chiesa di Sant’Agostino.

Al Nuovo Diurno di Modena “IL FUNERAL TEATRO” DEI DUCHI D’ESTE.

La chiesa di Sant’Agostino, “Il funeral teatro dei duchi d’Este”, è protagonista del tour virtuale in programma al Nuovo Diurno di piazza Mazzini, (Modena), sabato 17 giugno, alle 17. Nella sala centrale della struttura, grazie al sistema multimediale di proiezione sulle pareti, i partecipanti potranno immergersi nei dipinti e nelle decorazioni del pantheon della famiglia estense, “tra immagini eterne e apparati effimeri”.

La visita è gratuita, per un massimo di 25 persone.

Per partecipare è necessario prenotarsi attraverso il sito https://www.visitmodena.it/it

L’evento è il primo del nuovo ciclo di visite organizzato dal Comune di Modena, Servizio di Promozione della città e turismo con Ar/s Archeosistemi, che consente di esplorare le diverse sfumature di Modena attraverso la realtà virtuale e gli strumenti multimediali messi a disposizione nel Nuovo Diurno.

L’antica chiesa medievale degli Eremitani di Sant’Agostino divenne protagonista, tra il 1659 e il 1663, di un evento singolare: l’edificio, riccamente adornato con un apparato decorativo effimero e utilizzato per celebrare i funerali del duca Francesco I d’Este, fu trasformato dalla duchessa di Modena e Reggio Laura Martinozzi in un monumento permanente, un Pantheon Atestinum, in occasione delle esequie del marito, il duca Alfonso IV d’Este. Il tempio doveva celebrare la gloria degli Estensi attraverso un programma iconografico ideato dal coltissimo storiografo Domenico Gamberti e realizzato dall’architetto bolognese Giovanni Giacomo Monti. La grande navata si trasformò con una ricca decorazione di stucchi e uno splendido soffitto a cassettoni raffigurante l’apoteosi di alcuni santi. Gli affreschi stati realizzati dai pittori Sigismondo Caula e Francesco Stringa.

La chiesa è di proprietà del Comune di Modena e conserva numerose opere d’arte come l’affresco trecentesco della “Madonna con bambino” di Tommaso da Modena e il gruppo scultoreo rinascimentale in terracotta “Deposizione dalla croce” di Antonio Begarelli.

 Al Nuovo Diurno di Modena "IL FUNERAL TEATRO" DEI DUCHI D’ESTE

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Riproduzione riservata © Copyright La Milano