fbpx
CAMBIA LINGUA

Verona, in mostra la fotografia di Robert Doisneau.

Dal 15 Novembre al 14 Febbraio 2024 in mostra a Verona a cura di Gabriel Bauret

VERONA, IN MOSTRA LA FOTOGRAFIA DI ROBERT DOISNEAU.

“Quello che cercavo di mostrare era un mondo dove mi sarei sentito
bene, dove le persone sarebbero state gentili, dove avrei trovato la
tenerezza che speravo di ricevere”.

Così amava descrivere il suo lavoro Robert Doisneau, una vita dedicata alla fotografia, per trasformare ogni scatto in una sorta di “prova
che questo mondo esisteva”, come diceva.

La sua arte è divenuta così veicolo di rappresentazioni della tenerezza. Nelle sue immagini, entrate oggi nella storia, tutta l’emozione dei rassicuranti gesti quotidiani e delle situazioni di vita che il suo sguardo è riuscito a catturare.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

L’occasione per ammirarle e scoprirle è a Verona, grazie alla grande retrospettiva dedicata a Doisneau allestita dal 15 novembre 2023 al 14 febbraio 2024 negli splendidi spazi del Palazzo della Gran Guardia.

Un percorso visivo alla scoperta di uno dei padri fondatori della fotografia umanistica francese e del fotogiornalismo di strada, composto da 135 immagini in bianco e nero, tutte provenienti dalla collezione dell’Atelier Robert Doisneau a Montrouge, nell’immediata periferia Sud di Parigi.

“Un progetto espositivo accolto in uno degli spazi più suggestivi e particolari della nostra città, con un affaccio unico su piazza Bra e l’Arena di Verona – sottolinea l’assessora alla Cultura Marta Ugolini
–. Luogo che diviene amplificatore della bellezza della straordinaria opera di uno dei più grandi fotografi del ‘900, di cui è in mostra una piccolissima parte, 135 scatti, della sua immensa creazione artistica a cui ha dedicato l’intera esistenza. Una ricerca ben rappresentata nel percorso di allestimento scelto, che mostra all’osservatore tutta la freschezza e la semplicità di quella vita quotidiana ricercata da Doisneau. Un ritorno della fotografia a cui siamo legati e per la
quale stiamo lavorando per ridare alla città lo spazio degli Scavi Scaligeri e per ricostruire una presenza di questa importante forma espressiva”.

La mostra, curata da Gabriel Bauret, realizzata in collaborazione e con il patrocinio del Comune di Verona, promossa da Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e prodotta da Silvana Editoriale ripercorre infatti la vicenda creativa del grande artista francese.

L’esposizione è stata presentata questa mattina in Gran Guardia dall’assessora alla Cultura Marta Ugolini insieme al curatore Gabriel Bauret e al direttore Editoriale di Silvana Editore Sergio Di Stefano.

“E’ la sesta tappa del viaggio realizzato nel Nord d’Italia con questa retrospettiva dedicata a Doisneau – spiega il curatore Gabriel Bauret – e ogni volta è stato registrato un grandissimo successo in termini di partecipazione e apprezzamento di pubblico. Siamo molto contenti di continuare questa avventura resa possibile in primis dall’importante disponibilità, apertura e vivacità delle figlie dell’artista, che hanno messo a disposizione del progetto i suggestivi scatti che compongono la mostra”.

A Montrouge, Doisneau ha sviluppato e archiviato le sue immagini per oltre cinquant’anni, ed è lì che si è spento nel 1994, lasciando</strong > un’eredità di quasi 450.000 negativi. Dallo stesso atelier, oggi le sue due figlie contribuiscono alla diffusione e alla divulgazione della sua opera, accogliendo le continue richieste di musei, festival e case editrici.

Il percorso espositivo è arricchito dalla proiezione di estratti dal film di Clémentine Deroudille “Robert Doisneau. Le Révolté du merveilleux” e da un’intervista al curatore Gabriel Bauret.

La mostra è accompagnata dal catalogo “Robert Doisneau”, edito da Silvana Editoriale.

“Questa mostra rappresenta un fiore all’occhiello delle nostre produzioni – dichiara il direttore Sergio Di Stefano –, innanzitutto per l’alta qualità delle opere di questo grande maestro della fotografia che seppe con uno sguardo libero, lucido, ludico ma anche impegnato, ritrarre in maniera mai banale soggetti e istanti quotidiani. Le immagini non sono legate da un ordine cronologico di tema ma da contesti di elezione, questo consente un dialogo generatore di un racconto senza tempo che ci fa stare bene, come lo stesso Doisneau amava evidenziare”.

Nato nel 1912 a Gentilly, una città nella periferia sud di Parigi, Robert Doisneau muove i primi passi nel campo della litografia, attività che abbandonerà rapidamente in favore di un apprendistato presso lo studio di André Vigneau, che lo introduce al mondo della fotografia. Seguirà, per quattro anni, un’intensa collaborazione con il reparto pubblicitario della Renault.
Terminato questo impegno, Robert Doisneau approda al tanto ambito status di fotografo indipendente, ma il suo slancio viene spezzato dalla guerra, che tuttavia non gli impedirà di continuare a fotografare. Subito dopo la Liberazione della capitale, di cui è testimone, comincia un periodo molto intenso di commissioni per la pubblicità (e in particolare per l’industria automobilistica), la stampa (tra cui le riviste “Le Point” e in seguito “Vogue”) e l’editoria.

In parallelo, porta avanti i suoi progetti personali, che saranno oggetto di numerose pubblicazioni, a cominciare dal libro realizzato nel 1949 in collaborazione col suo sodale, il celebre scrittore Blaise Cendrars, La Banlieue de Paris, la prima sintesi dei molti racconti per immagini che dedicherà a questo mondo.

La sua traiettoria si incrocia anche con quelle di Jacques Prévert e Robert Giraud, la cui esperienza e amicizia nutrono la sua fotografia, nonché con quella dell’attore e violoncellista Maurice Baquet, protagonista di numerosi scatti del fotografo. Dal 1946 le sue fotografie vengono distribuite dall’agenzia Rapho. Qui conosce in attesa particolare Sabine Weiss, Willy Ronis e, successivamente, Édouard Boubat, che insieme a lui formeranno una corrente estetica spesso definita “umanista”.

Nel 1983 gli viene assegnato il “Grand Prix national de la photographie”, a consacrazione di un’opera estremamente ricca e densa.
Tale consacrazione passa attraverso le numerosissime esposizioni, in Francia come all’estero, le incalcolabili opere che rivisitano la sua fotografia dalle prospettive più varie e i documentari a lui dedicati.

E a Verona il pubblico avrà il piacere di avvicinarsi al grande fotografo attraverso ben 135 delle sue più belle immagini.

VERONA, IN MOSTRA LA FOTOGRAFIA DI ROBERT DOISNEAU.

 

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×