fbpx
CAMBIA LINGUA

“#Artemide: una, nessuna, centomila”: al MAAM di Grosseto una mostra straordinaria dedicata alla dea

Il percorso di snoda tra monto antico e mondo reale, con la possibilità di progettare una personale versione della statua di Artemide attraverso la realtà virtuale.

“#Artemide: una, nessuna, centomila”: al MAAM di Grosseto una mostra straordinaria dedicata alla dea.

Inaugurata “#Artemide: una, nessuna, centomila”, la mostra-evento organizzata dal MAAM (Museo Archeologico e d’Arte della Maremma) e promossa dal Comune di Grosseto e Promocultura. Tra le esposizioni più belle e uniche proposte in città, quest’ultima offre l’opportunità di ammirare, per la prima volta nella storia, le quattro riproduzioni della statua della dea Artemide, ciascuna proveniente da un museo diverso. Realizzate dal I secolo a.C. al I secolo d.C., le Artemidi presentano le stesse caratteristiche iconografiche – figura avanza verso chi guarda, tenendo le mani protese; presenza di simboli come arco e fiaccola, a richiamare la doppia investitura – ma hanno dettagli differenti. La particolarità del percorso espositivo, che si snoda in tre sale, è però la connessione tra il mondo antico e quello moderno, sviluppata tramite l’utilizzo, nello spazio finale, della realtà virtuale, attraverso la quale i visitatori possono progettare una loro versione della statua.

“È la prima volta che queste quattro opere, importanti a livello nazionale, vengono riunite. È un’emozione vederle insieme in una sala suggestiva come quella che le ospita, con suoni e odori veramente particolari – commentano il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e l’assessore alla Cultura Luca Agresti – Vogliamo ringraziare tutto il personale del museo, il settore cultura e tutti coloro che hanno permesso questa mostra, tra cui MM.BB. srls e Latte Maremma. Ed è proprio con eccellenze del nostro territorio, come quest’ultima, che stiamo lavorando per creare un rapporto sinergico e importante.” Soddisfatta anche Anna Bonelli, funzionaria alla Cultura del Comune di Grosseto: “È per noi una grande soddisfazione accogliere in città capolavori come questi. Siamo certi che le quattro Artemidi susciteranno grandi emozioni in tutti coloro che sceglieranno di ammirarle, per scoprirne la storia e le straordinarie caratteristiche.”

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

A concludere l’inaugurazione è stato l’intervento delle curatrici Barbara Fiorini e Chiara Valdambrini, direttrice del MAAM. “Ringraziamo l’Amministrazione comunale e tutti coloro che ci hanno supportato durante la realizzazione di questa esposizione. Confrontarsi con opere con una grande fierezza come queste è per noi un grandissimo onore – commentano le curatrici Chiara Valdambrini e Barbara Fiorini – La mostra porterà i visitatori a vivere un viaggio che partirà dalle quattro protagoniste originali, icone del museo di quest’anno, e arriverà alla loro versione pop. Abbiamo voluto sottolineare la grande differenza che c’è tra la produzione artistica di oggi, possibile grazie anche a macchine come le stampanti 3d, e quella antica, molto diversa e articolata.” La mostra resterà aperta fino a domenica 5 novembre.

Per informazioni è possibile chiamare lo 0564-488752 dal martedì alla domenica e festivi dalle 10,30 alle 18,30, oppure scrivere a accoglienzamaam@gmail.com.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×