fbpx

Perseguita l’ex minacciando di rivelare la sua omosessualità

Seregno (MB), incendia la sua auto perché non accetta la fine della loro relazione.

Perseguita l’ex minacciando di rivelare la sua omosessualità.

È finita malissimo tra due pakistani a Seregno (MB). 

La loro relazione si era conclusa a febbraio. Uno dei due, però, non si era rassegnato e aveva cominciato a molestare e minacciare l’ex. Gli chiedeva rilevanti somme di denaro e favori, oltre alla pretesa di riallacciare il rapporto.

Tra le minacce, oltre a quelle ripetute di morte, anche quella di diffondere video intimi e persino di rivelare ai familiari la loro relazione omosessuale, contraria ai divieti imposti dalla religione islamica.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

In un’occasione, dopo averlo malmenato, gli aveva anche rotto il cellulare e il parabrezza dell’auto. Evidentemente, però, i ricatti non bastavano più. 

Così, la notte dello scorso 20 maggio lo stalker alza il tiro: si traveste da donna, si avvicina furtivamente all’abitazione dell’ex e appicca il fuoco in più punti della casa e sull’auto. L’intenzione è quella di provocare un incendio di grosse dimensioni. Un gesto eclatante per cercare di cambiare una volta per tutte il corso degli eventi. 

Ma non finisce qui: prima di fuggire, decide di entrare in casa e portare via 10mila euro custoditi in un armadio. Infine, la firma: lascia nell’abitazione una lettera intimidatoria, che sigla con il nomignolo con il quale lo chiamava in passato.

Al rientro a casa, la vittima, in evidente stato di shock per via delle fiamme, entra in panico. Dopo gli accertamenti in pronto soccorso, l’ulteriore scoperta del furto di denaro e della lettera con le ennesime minacce. 

Nei giorni scorsi i Carabinieri di Seregno (MB) hanno arrestano il responsabile delle persecuzioni: si tratta di un 39enne, originario del Pakistan come la vittima (26enne).

IMG-20220705-WA0018

IMG-20220705-WA0017

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×