Milano, superlavoro della Polstrada nel ponte del 1 maggio

Almeno 1621 persone controllate e 100 sanzionate. Questi alcuni dei numeri della Polizia Stradale di Milano che ha trascorso un weekend di intenso lavoro sulle strade intorno alla città.  In particolare sabato 2 maggio, due agenti di pattuglia in viabilità ordinaria sulla via Emilia hanno salvato dall’estremo gesto per indigenza e solitudine aggravate dal lockdown, un senzatetto di 46 anni. Verso le 20,30 G.D., persona nota alle Forze dell’Ordine, si aggirava nei pressi dei supermercati della zona tra San Giuliano e San Donato Milanese ormai chiusi: gli agenti di pattuglia lo hanno avvicinato e da subito hanno notato la sua disperazione malcelata dietro la scusa di avere mal di denti. Lo hanno seguito in maniera discreta e, quando l’uomo ha raggiunto il ponte sul fiume Lambro, l’intuizione degli agenti ha fatto in modo che, pur scavalcando il parapetto del viadotto sovrastante la A58, l’uomo venisse afferrato e non si gettasse. Consci del fatto che il solo salvataggio e gli accertamenti sanitari presso il Pronto Soccorso di Melegnano (MI) non potevano essere di lungo sostegno all’uomo, gli Agenti della Polstrada hanno iniziato la ricerca dei familiari più prossimi a cui lo hanno affidato in tarda serata. Domenica mattina 3 maggio, una pattuglia della Sezione Polstrada di Milano durante il posto di controllo in Barriera A8 direzione Nord ha proceduto all’arresto di M.A., cittadino egiziano del 1977: l’uomo, originariamente fermato perché inottemperante al decreto sul contenimento da Covid19, è risultato destinatario di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale presso la Corte di Appello di Milano, per una condanna ad anni 3 e mesi 8 di reclusione. Responsabile di violenza sessuale, per fatti commessi nel 2007, è stato condannato nel 2018 alla misura coercitiva della custodia in carcere: resosi irreperibile per oltre 2 anni, domenica mattina è stato arrestato e associato presso la casa circondariale di Bollate. Verso le ore 23,30 di domenica 3 maggio, infine, la pattuglia della Sezione di Milano di servizio presso la Barriera Milano Sud sulla A/1 in Nord (comune di Melegnano), ha intercettato un’Audi A3 che procedeva a velocità sostenuta. Poco prima la Centrale Operativa della Stradale di Bologna aveva diramato una nota per ricerche di un veicolo analogo con a bordo un ragazzo straniero che si era allontanato dalla propria residenza di Modena manifestando intenti suicidi.I poliziotti milanesi hanno bloccato l’auto e affidare alle cure ospedaliere il cittadino rumeno di 21 anni che, in stato di ebbrezza alcolica e fortemente depresso per l’interruzione di un rapporto affettivo, aveva filmato il suo intento suicida conducendo il veicolo in autostrada a fortissima velocità. Il ragazzo è stato sanzionato per guida in stato di ebbrezza alcolica e riaffidato, poi, alla madre.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...