Milano, più di 300mila euro nello zaino: la Polizia di Stato arresta 37enne con documenti falsi

Milano, Gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico sono giunti al 37enne a seguito di un controllo alloggiati eseguito presso un hotel di via Lulli. Secondo i dati rilasciati al momento della registrazione presso la struttura ricettiva, l’uomo risultava essere irregolare sul territorio nazionale, e con precedenti penali. I poliziotti hanno dunque raggiunto la stanza
dell’algerino. Costui alla vista degli agenti ha reagito con un atteggiamento timoroso e agitato.

L’attenzione degli agenti è stata poi attirata da alcuni involucri di cellophane e carta alluminio, tipici del confezionamento di stupefacenti, che il 37enne aveva adagiato sulla scrivania della
camera.

I poliziotti hanno così proceduto alla perquisizione del locale, che ha avuto esito negativo per quanto riguarda armi e droga, ma all’interno di uno zaino sono state rinvenute numerose banconote per un totale di 336.800 euro.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Richieste dagli agenti le dovute spiegazioni in merito, il 37enne ha dichiarato di aver rubato quello zaino a bordo del treno con il quale, da Reggio Emilia, era giunto fino a Milano.

Le indagini sull’uomo hanno poi fatto emergere che il documento da lui esibito fosse contraffatto, motivo per cui è stato arrestato ed accompagnato in Questura per i rilievi fotodattiloscopici.

Con l’ausilio dei colleghi Polfer di Reggio Emilia, i poliziotti dell’Ufficio Volanti di Milano hanno infine appurato che effettivamente il 37enne fosse salito a bordo del Freccia Rossa con un
solo zaino, per poi scendere alla stazione di Milano Rogoredo con indosso il proprio zaino e quello all’interno del quale era contenuta l’ingente somma sequestrata dagli agenti.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...