fbpx
CAMBIA LINGUA

Milano: Carabinieri recuperano antichissimo strumento per cosmesi appartenente al patrimonio archeologico dello stato egiziano

Trovata presso il Consolato Generale della Repubblica Araba d'Egitto di Milano una 'tavolozza predinastica teriomorfa per cosmetici'.

Milano: Carabinieri recuperano antichissimo strumento per cosmesi appartenente al patrimonio archeologico dello stato egiziano.

Nella mattina odierna presso il Consolato Generale della Repubblica Araba d’Egitto di Milano, è stata consegnata a S.E. l’Ambasciatrice Manal Abdeldayem, dal Comandante del Gruppo CC TPC di Monza Ten. Col. Giuseppe Marseglia, una ‘tavolozza predinastica teriomorfa per cosmetici’. La consegna è avvenuta alla presenza di rappresentanti del Ministero della Cultura e del Museo Egizio di Torino.

Il bene presentato proviene da un contesto archeologico egiziano e risale alla seconda fase dell’epoca ‘Naqada II’ (circa 3700-3400 a.C.). Le tavolozze da cosmesi teriomorfe, ovvero a forma di uccello, come quella consegnata, rappresentano una classe di manufatti archeologici ben attestata nelle collezioni museali egiziane, e sono tra le testimonianze più rappresentative ed iconiche delle culture pre-faraoniche. In tal senso, la tavolozza consegnata riveste un importante valore artistico, essendo rappresentante di una sotto-tipologia meno frequentemente attestata rispetto ad altre di sembianza teriomorfa, definita “double/two bird-head palette”.

Milano: i Carabinieri tutela del Patrimonio Culturale recuperato da un antichissimo strumento per cosmesi, appartenente al patrimonio archeologico dello stato egiziano.
La tavolozza è stata sequestrata nel settembre 2022 dai Carabinieri del Nucleo Tpc di Venezia, nell’ambito dell’operazione internazionale di polizia ‘Pandora VII‘, in collaborazione con l’Ufficio delle Dogane di Vicenza: si tratta di uno dei primi casi di applicazione del nuovo reato d’Importazione illecita di Beni Culturali (art. 518 decies c.p.), introdotto nell’ordinamento italiano dalla Legge n. 22 del 9 marzo 2022, ovvero in ottemperanza al Regolamento Europeo 880/2019 e alla Convenzione di Nicosia.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

In particolare il Comandante del Nucleo Carabinieri Tpc di Venezia, Magg. Emanuele Meleleo, ha evidenziato come il bene sia stato individuato: importato a Vicenza dal Regno Unito, non era accompagnato da alcun documento che attestasse l’originaria provenienza, la legittimità della proprietà privata, la liceità della circolazione, stante la normale appartenenza dei beni archeologici egiziani allo Stato d’Egitto, nonché a fronte del divieto di esportazione degli stessi. In materia di compravendite perfezionatasi all’estero, alla luce della Convenzione Unesco di Parigi del 1970, il contratto di acquisto di un bene d’interesse culturale stipulato in base a una normativa nazionale, in contrasto con il divieto di esportazione vigente nel paese di origine del bene, non costituisce idoneo titolo di proprietà.

L’azione investigativa si è avvalsa del Servizio di Cooperazione Internazionale di polizia e del Ministero del Turismo e delle Antichità egiziano; nonché di esami tecnici e storico-artistici sul bene, anche in relazione alla sua provenienza, effettuati dai funzionari archeologi della Soprintendenza A.B.A.P. per il Comune di Venezia e Laguna e studiosi del Museo Egizio di Torino.
Il contrasto al traffico illecito dei reperti archeologici rappresenta una delle direttrici investigative che il Nucleo CC Tpc di Venezia persegue, attraverso verifiche costanti presso gli esercizi commerciali di settore, mediante l’attenta raccolta di segnalazioni da parte di studiosi e appassionati, grazie alla collaborazione degli uffici centrali e periferici del Mic. La restituzione al patrimonio pubblico di questi beni, testimonianze materiali aventi valore di civiltà, riporta alla fruizione collettiva oggetti che narrano la storia di territori e di comunità.

Milano: i Carabinieri tutela del Patrimonio Culturale recuperato da un antichissimo strumento per cosmesi, appartenente al patrimonio archeologico dello stato egiziano.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×