Mantova, questore dispone il divieto di accesso negli esercizi pubblici della provincia ad un pregiudicato mantovano.

Nella giornata di ieri il Questore della Provincia di Mantova Paolo Sartori ha emesso,
per la prima volta nella nostra Provincia, un Decreto con Divieto di Accesso – per la durata
di 1 anno, e valido nell’intero territorio della Provincia di Mantova – ad ogni tipo di locale
definito dalla Legge come Esercizio Pubblico (bar, caffè, gelaterie, pasticcerie, pizzerie,
ristoranti ecc.) nei confronti di un pluripregiudicato mantovano di 41 anni.
Alcuni giorni orsono, infatti, durante le attività di controllo del territorio in tutta la
Provincia da parte di tutte le Forze dell’Ordine e delle Polizia Locali relative
all’accertamento del rispetto delle misure di contenimento della diffusione del COVID-19
disposte in tutta la Provincia con Ordinanza del Questore, gli Agenti della Squadra
“Volante”, unitamente ai colleghi del Reparto Prevenzione Crimine di Reggio Emilia,
procedevano alla identificazione di alcuni avventori mentre stavano consumando
bevande alcoliche all’esterno di un Bar che si trova nella periferia del Capoluogo, in palese violazione delle normative governative che attualmente inseriscono la Regione
Lombardia nell’elenco delle “Zone Rosse”.

Uno degli avventori, in evidente stato di alterazione per abuso di sostanze alcooliche,
alla richiesta dei poliziotti di esibire il documento, iniziava ad inveire contro costoro con
frasi gravemente minatorie ed ingiuriose, arrivando ad urlare loro in faccia che li avrebbe
bruciati con i fogli dei verbali che gli stessi stavano compilando per l’identificazione.
Costui – L. G. T., un 41enne mantovano residente in Città, con a proprio carico
numerosi precedenti penali per reati contro la persona e contro il patrimonio, nonché
una condanna per violenza sessuale – nonostante i ripetuti inviti formulatigli dagli Agenti
di Polizia ha continuato a mantenere un comportamento non collaborativo e
particolarmente offensivo, aggressivo e minaccioso nei loro confronti, millantando,
inoltre, conoscenze “ad alto livello” che avrebbero potuto compromettere la loro carriera.
In considerazione di quanto accaduto, e della gravità del comportamento esternato
dal L. G. T., il Questore Sartori ha emesso nei confronti di costui un Decreto che gli vieta –
come si è detto – di avvicinarsi e di fare ingresso in qualsiasi tipo di Locale Pubblico della
nostra Provincia.
“Si tratta, questa, di una Misura di Prevenzione Personale introdotta nel 2017 con i
“Decreti Sicurezza”, poi aggravata da una modifica normativa dello scorso anno – ha
chiarito il Questore Paolo SARTORI – che consente ai Questori (in qualità di Autorità
Provinciali di Pubblica Sicurezza) di inibire l’accesso agli Esercizi Pubblici a soggetti
pregiudicati che abbiano mostrato di essere in grado di creare turbative all’Ordine ed alla
Sicurezza Pubblica. Questo si tratta il primo caso in cui tale Provvedimento viene adottato
nella nostra Provincia.”
Nell’ipotesi che costui non rispetti la Misura di Prevenzione alla quale è stato
sottoposto verrà punito con la reclusione da sei mesi a due anni e con la multa che varia
da 8.000 a 20.000 euro.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...