fbpx

Lecce, la Polizia di Stato autore di numerosi furti nel centro storico

Arrestato un cittadino straniero ventiquattrenne grazie alle immagini delle telecamere e a pedinamenti della Polizia.

Lecce, la Polizia di Stato autore di numerosi furti nel centro storico.

Nella serata del 27.3.2023 gli Agenti della Squadra Mobile di Lecce, a conclusione di una complessa attività investigativa, avviata agli inizi del 2023, a seguito della recrudescenza dei reati predatori perpetrati prevalentemente nel centro storico di Lecce, dalla comparazione delle dichiarazioni rese dalle parti offese e dalle individuazioni fotografiche, con il contributo dei numerosi video registrati ed estrapolati dalle telecamere di video sorveglianza con la comparazione dei relativi fotogrammi, oltre agli specifici servizi di polizia giudiziaria con numerose osservazioni e pedinamenti, hanno arrestato S.O., un cittadino straniero di 24 anni.

L’uomo è ritenuto presunto responsabile della consumazione di numerosi furti compresi nell’arco temporale tra l’inizio del corrente anno sino alla data odierna in danno di numerose attività artigianali, attività commerciali e di ristorazione.

A suo carico sono stati contestati, inoltre, anche numerosi furti aggravati (anche tentati), possesso di strumenti atti alla consumazione degli stessi, nonché, sostituzione di persona per l’indebito utilizzo di sistemi di pagamento elettronici e resistenza a pubblico ufficiale, perduranti fino all’attualità, così come indicato in 13 capi di imputazione che vengono riportati nella misura cautelare limitativa della libertà personale emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari conclusasi con il suo accompagnamento in carcere.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Così come contestato nel provvedimento, tutti i furti sono avvenuti tramite effrazioni tutte consumate in orario notturno, tra le 3 e le 5, nel centro storico di Lecce, in zone poco abitate o scarsamente vigilate se non da sistemi di videosorveglianza soprattutto privati, con le medesime modalità di forzatura delle porte o infissi esterni, come fosse un vero e proprio “marchio di fabbrica della sua azione predatoria”, con l’aggravante di aver usato violenza sulle cose, impossessandosi di attrezzi da lavoro, tablet, telefoni cellulari, cavetteria, denaro contenuto nei registratori di cassa, o nelle borse, carte postepay ed il loro successivo utilizzo fraudolento attraverso acquisti in altre attività commerciali.

Lecce, la Polizia di Stato autore di numerosi furti nel centro storico

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×