fbpx

Il Tar di Trento rigetta la richiesta di decreto cautelare per salvare i due lupi. Leal: «Inaccettabile, ricorriamo al Consiglio Di Stato»

La vita dei due esemplari è a rischio: già da oggi il decreto autorizza l'abbattimento degli animali

Il Tar di Trento rigetta la richiesta di decreto cautelare per salvare i due lupi. Leal: «Inaccettabile, ricorriamo al Consiglio Di Stato».

Il TAR di Trento ha rigettato la richiesta di decreto cautelare depositata da LEAL e finalizzata a sospendere l’uccisione dei due lupi a seguito di alcune predazioni avvenute a malga Boldera, in Lessinia. La vita dei due esemplari è a rischio: già da oggi il decreto autorizza l’abbattimento degli animali, peraltro considerata specie protetta dalla direttiva Habitat.

Gian Marco Prampolini, Presidente LEAL commenta: «Tramite il nostro ufficio legale, abbiamo fatto ricorso al Consiglio di Stato affinché si possa ottenere la sospensione della loro condanna a morte a fronte di un modello di allevamento non conforme alle norme di legge in punto di convivenza con la Fauna Selvatica. La Provincia di Trento nella persona di Fugatti è vocata al giustizialismo e baratta scienza, conoscenza, buon senso e buon governo con azioni vendicative mirate al consenso elettorale».

LEAL ritiene inaccettabile il contenuto del decreto di rigetto, atteso che, proprio dalla documentazione prodotta dall’amministrazione, emerge chiaramente come il sistema di protezione in alcune predazioni fosse scarsamente funzionante e manutenuta.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

I legali rappresentati di LEAL Aurora Loprete e Giada Bernardi sottolineano come non possa essere avvalorata l’attuale gestione della convivenza uomo animale ed auspicano che il Consiglio di Stato ne prenda atto riformando il decreto del Presidente del Tar di Trento.

lupi

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×