Firenze, spedizione punitiva: misure cautelari nei confronti di un gruppo di minorenni responsabili di lesioni aggravate

Firenze, Nella mattinata odierna, i Carabinieri della Stazione FI – Legnaia hanno dato esecuzione a quattro misure cautelari, un collocamento in comunità e tre prescrizioni, a carico di altrettanti minorenni responsabili di lesioni aggravate.

Le indagini, condotte dai Carabinieri di FI – Legnaia e coordinate dalla Procura dei Minorenni di Firenze (sost. proc. dott.ssa Ersilia Spena), hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza in ordine al reato indicato, con una ricostruzione dei fatti operata tramite l’escussione di persone informate sui fatti e riprese delle telecamere di videosorveglianza. Questi elementi sono stati successivamente ritenuti rilevanti dall’autorità giudicante (GIP dott. Massimiliano Signorini).

Il pomeriggio dello scorso 10 ottobre, un 16enne veniva aggredito da un gruppo di ragazzi coetanei, nel mentre si trovava con altri due amici nel centro di Firenze, in via di Capaccio. Nella circostanza la vittima subiva lesioni alla membrana timpanica, ancora in corso di guarigione, con possibilità eventuale di intervento chirurgico. Secondo le evidenze compendiate negli elementi di prova, l’aggressione sarebbe stata l’esito di una concordata azione punitiva, di cui erano parte gli aggressori insieme ad uno degli accompagnatori; quest’ultimo avrebbero condotto la vittima nel luogo concordato con gli altri. Il movente dell’azione sarebbe connesso ad una precedente denuncia per estorsione presentata dall’aggredito verso uno degli amici del gruppo, non presente in quanto sottoposto a misura cautelare.  Quest’ultimo, lo scorso 07 ottobre infatti, venne tratto in arresto dai Carabinieri di FI – Legnaia, in quanto responsabile di estorsione nei confronti di un 16enne coetaneo: l’arrestato si era infatti recato all’esterno dell’istituto scolastico frequentato dal denunciante per pretendere la consegna della somma contante di 50 Euro o in alternativa 5 grammi di hashish, a risarcimento della denuncia fatta dalla stessa vittima per lesioni personali, prospettando ritorsioni nel caso di mancata adesione.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Uno dei giovani è stato collocato in comunità a disposizione dell’autorità giudiziaria, mentre gli altri tre sono destinatari delle prescrizioni di: dedicarsi ad attività di studio, partecipare ad attività di educazione alla legalità, svolgere attività di utilità sociale, non lasciare il domicilio dalle 20 alle 07 e non avere contatti con la parte offesa. Tra gli indagati per il delitto di lesione personali aggravate, non destinatari di misura, figurano inoltre, altri due minorenni, attualmente collocati in comunità, uno dei quali per i fatti occorsi in Firenze Piazza Davanzati lo scorso 26 settembre.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...