La nostra storia ieri e oggi nelle fotografie de L'Espresso a Palazzo Reale

141

Si inaugura Lunedì 11 Luglio alle ore 18,30, presso Palazzo Reale di Milano, la mostra, già ospitata in diversi contesti nell’anno in cui si celebra il quarantennale della fondazione del noto settimanale, “La nostra storia ieri e oggi nelle fotografie de L’Espresso” a cura di Bruno Manfellotto, ex direttore de L’Espresso. L’inaugurazione vedrà la partecipazione del sindaco di Milano, Giuseppe Sala, l’Assessore alla Cultura del Comune di Milano, Filippo Del Corno, e il direttore de L’Espresso, Luigi Vicinanza.

Le copertine dei diversi numeri del settimanale si susseguiranno come fotogrammi di un lungo viaggio che ha portato a dare risalto all’informazione e a dare documentazione dei fatti e degli avvenimenti che hanno segnato le pagine della nostra storia, nazionale e internazionale. La mostra sarà visibile al pubblico fino all’11 Settembre presso Palazzo Reale e immergerà lo spettatore nella narrazione del nostro passato, fino a giungere ai nostri giorni: dalla contestazione sessantottina ai primi scandali politici, dalla Guerra in Vietnam alla campagna referendaria sulla legge del divorzio, fino a giungere all’approvazione della legge sull’aborto, quel numero, era il 1975, in cui appariva in copertina una donna crocefissa e che tanto scalpore e scandalo suscitò nelle gerarchie democristiane del tempo, tanto da vedere parlamentari proporre possibili limitazioni e censure verso la stampa. La timeline delle fotografie proposte in questa esposizione in occasione dei quarant’anni de L’Espresso non termina, ma prosegue con quella notte in cui si respirò quella ondata di libertà a Berlino vedendo aprirsi quelle brecce demolitorie di un muro separatore, con i giorni di tangentopoli, con le guerre in Iraq e, infine, con la nostra epoca contemporanea, fatta di atti terroristici e di barbare e atroci uccisioni di massa da parte dell’Isis.

Diversi sono i nomi di notori fotografi presenti nella lunga esposizione: La nostra storia ieri e oggi è, quindi, raccontata attraverso le fotografie di Mauro Vallinotto, Gilles Caron, Letizia Battaglia, Nick Ut. Gli scatti ci racconteranno i vari periodi che si sono susseguiti nel corso dell’esistenza del settimanale, canale di informazione laico, liberale e di grande spessore cronachistico con un sapore sagace e puntuale, tanto da essere in grado di raccontare, e di aver raccontato, un mondo in rapido cambiamento e in continua trasformazione: un mondo in cui costume e società si incontravano in una successione di immagini che immortalano e che immortalavano le scene di un’Italia in evoluzione, di un mondo complesso quanto vario.

È un diario giornalistico quello che viene proposto ne La nostra storia ieri e oggi nelle fotografie de L’Espresso, realizzato grazie alla prontezza dello scatto e all’occhio attento a rilevare il momento giusto per dare risalto e rilevanza al fatto che vuole essere veicolato e comunicato.

Articolo di Alessandro Rizzo


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 

Commenti
Loading...