Milano, Ciclismo: rubata statua su tomba di Ferrario

Da qualche giorno la statua in bronzo sulla tomba del campione di ciclismo Libero Ferrario, nel cimitero di Parabiago, non è più al suo posto. Lo rende noto il Comune, che sta preparando i festeggiamenti del centenario della sua vittoria: Ferrario è stato il primo italiano che ha indossato la maglia iridata nel 1923, a Zurigo, vincendo il titolo di campione del mondo di ciclismo.

“Quando mi hanno comunicato l’accaduto – dice il Sindaco Raffaele Cucchi – non volevo credere che qualcuno sia davvero così irrispettoso dei nostri morti, innanzitutto, ma anche di chi rappresenta per la nostra città un’icona dello sport. Non ho davvero parole per esprimere tutto il nostro disappunto e anche la nostra rabbia rispetto a questo reato. Ci auguriamo che nel breve, non solo sia ritrovata la statua, ma che i colpevoli vengano individuati con le conseguenti condanne che ne derivano”.
Si presume che la statua in bronzo sia stata rubata tra il 4 e il 17 aprile, ma solo il 16 aprile gli eredi se ne sono accorti: “Mi sono recato presso il cimitero venerdì scorso – dice Bibo Libero Rigamonti, nipote di Libero Ferrario – Volevo verificare i lavori di ripristino della tomba dello zio, nonché sistemare le fotografie dei suoi genitori. È stato in quel momento che mi sono accorto della mancanza del busto in bronzo di Libero Ferrario che intendeva ricordare il campione alla Città di Parabiago e non solo a noi. Ho, quindi, sporto denuncia ai Carabinieri confidando in un ripensamento del gesto che ci ha lasciato basiti”.
La statua è alta circa un metro, pesa 50 kg ed è stata realizzata dallo scultore milanese Alfeo Bedeschi nel 1930, anno della morte del campione.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...